• scacchi012

    Riflessioni, appunti e spunti sul gioco degli scacchi, sul loro insegnamento a bambini e ragazzi, soprattutto nelle scuole.
    Il blog è aperto ai contributi dei ragazzi e dei loro genitori e agli interventi di altri istruttori e insegnanti.

    Per domande, interventi o collaborazioni ci potete contattare ai seguenti indirizzi di posta elettronica:


    Stefano Tescaro stefano.tescaro@gmail.com
    Alex Wild: sasschach@gmx.net
    Sebastiano Paulesu: sebpaul@tiscali.it

    Creative Commons License

    Questo blog è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.

    scacchi012

  • Istruttori

    Sito degli istruttori di Federscacchi

    Il Forum degli istruttori del sito/blog Scacchierando

    Gli istruttori premiati dalla FSI per il 2010:

    FOTO: Gli istruttori dell'anno 2010: Roberta De Nisi, Olga Zimina, Eugenia Di Primio, Andrea Rebeggiani, Sebastiano Paulesu, Giuseppe Rinaldi

    Ne abbiamo scritto in un articolo su scacchi012.

    I premiati degli anni scorsi:
    - 2008
    - 2009
    .

  • Il nuovo libro di Alex!

    Per gentile concessione dell'editore (ediscere), pubblichiamo un estratto dell'ultimo libro di Alexander Wild per la serie Giocare a scacchi, I matti. Per scaricarlo, clicca qui.

    Wild, i matti

  • I racconti di Kob

    apici sinistraIl silenzio all'inizio del primo turno. Di un torneo così. Le prime mosse, quando tutto è ancora possibile. Quando ancora tutti i sogni hanno diritto di cittadinanza. Quei primi minuti. In cui non si alza nessuno. In cui davvero tutti, tutta una sala, centinaia di persone, condividono gli stessi sentimenti.apici destra

    Mauro Kob Cereda, Foto

    Link ai racconti di Kob.

Chi ha detto che a scacchi non si può dire “passo”?

Alcuni volumi della serie in inglese di Stappen MethodeI migliori incontri nascono per caso

Sabato 27 maggio 2006. Con Giuseppe, Sergio e Pietro andiamo a vedere le olimpiadi. Arriviamo in largo anticipo sull’inizio delle partite; Korcnoj, che deve presentare la sua autobiografia, non ha ancora cominciato, quindi ne approfitto per fiondarmi nel padiglione delle Due Torri. In uno degli stand ospitati vedo tanti volumi di quello che sembra un corso per ragazzi in lingua inglese, Sfoglio sia i manuali per gli istruttori, sia i quaderni degli esercizi e decido che il corso completo (5 manuali + 5 quaderni per esercizi) vale 75 dei miei euro. Pago e metto nello zaino e mi godo un po’ di Korcnoj e di olimpiadi.

Come mi capita sempre con i nuovi acquisti di libri di scacchi, li sfoglio avidamente. Trovo un sacco di consigli pratici e apprezzo la struttura del corso. Scopro che lo Stappen methode o metodo per gradi (passo passo) è nato in Olanda 20 anni prima ed è molto utilizzato in Olanda e Belgio, ma anche in Germania. Sebbene il metodo mi paia ottimo, non ne ho un utilizzo pratico immediato, perciò metto in libreria il tutto e per un po’ non ci penso.

Stappenmethode come base per un programma didattico 

Il circolo torna però ad avere un’attività sistematica di assistenza e istruzione ai giovani (ne ho parlato in un post precedente) e ricorro ai quaderni di esercizi dello Stappenmethode per dare ai bambini tanti esercizi sull’attacco doppio.

Il vero – e pieno – utilizzo c’è però quando devo scrivere il programma della scuola scacchi del circolo. L’idea iniziale era di raccogliere materiali vari da più fonti disparate: i libri di Seirawan della serie Winning Chess, partite ed esempi da vari volumi della Piccola Biblioteca di Scacchi, il manuale dei finali di Silman, Simple Chess, di Micheal Stean, e altri spunti dai libri della mia biblioteca e da internet.

Mentre annoto argomenti e spunti, mi rendo conto che la didattica richiede progressività nella complessità di quanto si insegna e un minimo di organicità del materiale presentato. Organizzo il corso base con le lezioni dei volumi 2 e 3 dello Stappenmethode …ma mi rendo conto alla fine che il materiale è troppo per le 30 lezioni scarse che faremo. E così il programma di questo anno (2007-2008) sarà poco più della metà di quello inizialmente previsto.

Alla fine ricorro a Stappenmethode anche per costruire il programma del corso avanzato. Poi in corso d’anno stiamo integrando con altri materiali e soprattutto con l’analisi in classe di qualche partita di torneo dei partecipanti, ma le lezioni dei volumi 4 e 5 sono molto utili e molto interessanti. Per quanto conosco, Stappenmethode è il miglior corso per bambini, per completezza e metodo.

Ma cos’è e com’è lo Stappenmethode?

Stappenmethode è un corso strutturato in 6 fasi o step (6 in Olanda, la versione tedesca e quella in lingua inglese hanno solo 5 fasi). Il modello didattico è quello della spirale, cioè ciclicamente gli argomenti sono riproposti in versione via via più complessa e più ampia. In ogni lezione l’argomento è spiegato in modo graduale, prima con esempi più semplici e poi con esempi più complessi. Il metodo punta a favorire il riconoscimento di schemi e posizioni tipiche (pattern recognition), e per fare questo usa principalmente situazioni tattiche. Per i livelli avanzati (4 e 5) sono previste anche lezioni di tecnica, soprattutto finali, ed elementi di strategia.
Per ogni livello/fase c’è un manuale per l’istruttore e un quaderno di esercizi collegati a ciascuna lezione. Quest’anno in Olanda sono usciti nuovi quaderni, con ulteriori esercizi. Manca ancora, però, la traduzione in lingua inglese.

I manuali per gli istruttori sono molto istruttivi. Gli autori hanno considerato anche gli istruttori meno abili scacchisticamente e laddove ad essi è richiesto un impegno maggiore (simultanee, analisi di posizioni complesse) forniscono le indicazioni guida per disimpegnarsi in modo soddisfacente. Indicazioni pedagogiche accompagnano quelle scacchistiche.

Il corso è adottato da molti circoli e organizzazioni olandesi e belghe, e ha acquisito grande popolarità in Germania, dove è preferito da 3 istruttori su 4.

Gli autori

Lo Stappenmethode è stato creato da Rob Brunia e da Cor Van Wijgerden.
Brunia, nato nel 1947 e morto nel gennaio 2005,  è stato un istruttore molto famoso in Olanda, e ha avuto come allievi anche i giovani grandi maestri Daniel Stellwagen (classe 1987, Elo 2639 ad ottobre 2007) ed Erwin l’Ami (classe 1985, Elo 2577 ad ottobre 2007).
Cornelis (Cor) Van Wijgerden è un Maestro Internazionale olandese nato nel 1950 (Elo 2430 ottobre 2007) che si è specializzato nell’insegnamento.

Il sito dello Stappenmethode
Stappenmethode

Una Risposta

  1. […] Cor van Wijgerden, Lo Stappenmethode (metodo per gradi) L’autore di Stappenmethode presenta il suo corso in cinque volumi, che è stato adottato dalla federazione scacchistica olandese. Oltre alla presentazione, van Wijgerden pubblica un esempio tratto dal manuale per gli istruttori del secondo anno, una lezione sull’attacco doppio. Dello Stappenmethode ho scritto qui. […]

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...