• scacchi012

    Riflessioni, appunti e spunti sul gioco degli scacchi, sul loro insegnamento a bambini e ragazzi, soprattutto nelle scuole.
    Il blog è aperto ai contributi dei ragazzi e dei loro genitori e agli interventi di altri istruttori e insegnanti.

    Per domande, interventi o collaborazioni ci potete contattare ai seguenti indirizzi di posta elettronica:


    Stefano Tescaro stefano.tescaro@gmail.com
    Alex Wild: sasschach@gmx.net
    Sebastiano Paulesu: sebpaul@tiscali.it

    Creative Commons License

    Questo blog è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.

    scacchi012

  • Istruttori

    Sito degli istruttori di Federscacchi

    Il Forum degli istruttori del sito/blog Scacchierando

    Gli istruttori premiati dalla FSI per il 2010:

    FOTO: Gli istruttori dell'anno 2010: Roberta De Nisi, Olga Zimina, Eugenia Di Primio, Andrea Rebeggiani, Sebastiano Paulesu, Giuseppe Rinaldi

    Ne abbiamo scritto in un articolo su scacchi012.

    I premiati degli anni scorsi:
    - 2008
    - 2009
    .

  • Il nuovo libro di Alex!

    Per gentile concessione dell'editore (ediscere), pubblichiamo un estratto dell'ultimo libro di Alexander Wild per la serie Giocare a scacchi, I matti. Per scaricarlo, clicca qui.

    Wild, i matti

  • I racconti di Kob

    apici sinistraIl silenzio all'inizio del primo turno. Di un torneo così. Le prime mosse, quando tutto è ancora possibile. Quando ancora tutti i sogni hanno diritto di cittadinanza. Quei primi minuti. In cui non si alza nessuno. In cui davvero tutti, tutta una sala, centinaia di persone, condividono gli stessi sentimenti.apici destra

    Mauro Kob Cereda, Foto

    Link ai racconti di Kob.

Quattro anni per pensare meglio. 11. Alfiere e donna.

Scacchi a passo di danzaDopo un breve riassunto delle puntate precedenti passiamo subito all’Alfiere, che viene compreso in 5 minuti dal gruppo A. Faccio qualche prova sulla lavagna con l’esercizio 12. Sono sei diagrammi con due pedoni che devono essere attaccati dall’alfiere. Il bambino deve indicare la casa in cui deve stare l’alfiere per attaccare entrambi i pedoni. Mostro anche qualche posizione  con i due pedoni su case di colore contrario, ma non ci casca nessuno e mi fanno notare subito l’”errore”. Stanno diventando più veloci a comprendere le lezioni, forse per l’aumento di concentrazione che pian piano si inizia a sentire.

Siccome la maestra non è ancora tornata con le fotocopie per l’Alfiere e gli esercizi da colorare ne approfitto per introdurre la Donna e si leva subito un coro di siiii! Faccio appena in tempo a finire le spiegazioni che arriva la maestra con le fotocopie e passiamo subito a colorare le case controllate dall’Alfiere e poi all’esercizio 13 di GS1. Questo esercizio chiede di individuare il percorso che deve fare l’alfiere raffigurato nel diagramma per raggiungere una casa obiettivo, indicata da una stella, evitando però le case marcate con un asterisco. Molti sono talmente veloci che li faccio continuare con l’esercizio 15 di GS1 (che chiede di posizionare la donna in modo che attacchi contemporaneamente i due pedoni presenti nel diagramma) e quando gli ultimi hanno finito con l’esercizio 14 (che chiede di muovere l’alfiere in diagramma in modo che attacchi un pezzo o un pedone, ma senza essere a sua volta attaccato da un pezzo o pedone avversario) li lascio giocare con tutti i pezzi.

I gruppi di questa scuola avevano quasi tutti una vaga conoscenza del movimento dei pezzi e ho deciso, anche in base agli sviluppi della classe, di velocizzare le lezioni sul questo. Anche Sara è diventata più veloce e ora mi bastano due tre diagrammi affinché prosegua da sola.

Non volevo presentare la piccola lezione di strategia che avevo preparato perché avevo la sensazione che la volta scorsa avessero aperto con i pedoni laterali per portare subito in gioco i pezzi nuovi, più forti di quelli che avevano già conosciuto. Pare proprio che sia così, perché adesso che c’è anche la Donna in campo, la maggior parte di loro torna ad aprire al centro. Si vede che vogliono giocare con la Donna.
Altri usano l’apertura “Muraglia Cinese” o il “Serpente”; non ho la più pallida idea da dove abbiano preso i nomi,  ma queste aperture sono comuni a quasi tutte le scuole o corsi per bambini, anche se i nomi di queste strutture pedonali si scambiano fra loro. Una delle due aperture consiste nel muovere tutti i pedoni in terza o quarta traversa, mentre nell’altra sono messi a zig-zag fra la terza e la quarta traversa; solo dopo si passa a muovere i pezzi e cosi via. Sono curioso di vedere, se e quando gli ultimi affezionati di queste spinte pedonali inizieranno a giocare altre cose, o se davvero si renderà necessaria una lezione di strategia.

L’alunno Stefano invece mi precede nelle spiegazioni dei pezzi e continua a interferire nelle lezioni sui pezzi; credo sia ora di preparare qualcosina di più impegnativo o dovrò per forza dargli una piccola frenata.

Mentre discutevo con la maestra abbiamo deciso di portare le due classi a fine Gennaio ai Campionati Provinciali dove giocheranno nelle categorie U8 e U10. Dato che l’effetto del torneo di pedoni svolto ultimamente si sentiva concretamente, il silenzio durante la fase di gioco era assoluto (quasi) nell’ultima ora, decidiamo di far giocare anche i più piccoli. Metteremo a disposizione un pullman per i ragazzi e anche per i genitori: vogliamo che sia una festa degli scacchi e della famiglia. Ovviamente ci servirà qualche arbitro in più e dobbiamo ancora vedere come gestire la categoria, ma tutto nell’ambito del risolvibile. Rimane ancora da vedere come reagiranno i ragazzi alla proposta.

Nel gruppo B la situazione è uguale, ma leggermente più rumorosa. Ma anche in questa classe la concentrazione o attenzione è aumentata sensibilmente: alcune ragazze che finora non hanno partecipato attivamente alle lezioni adesso iniziano a contribuire e credo abbiamo raggiunto un 80% di partecipazione attiva alle lezioni e al gioco. Persino Claudio, che era restio a eseguire gli esercizi, quando mi avvicino per le solite spiegazioni individuali e gli spiego il primo diagramma mi dice con aria superiore “Ah ah già capito tutto, si si” e finisce velocemente i suoi esercizi. Anche in questo gruppo ci sono alcuni che vogliono a tutti i costi finire gli esercizi con la Donna prima di iniziare a giocare e due di loro fanno giusto in tempo a mettere i pezzi che già suona la campana.

Oggi il gruppo B ha giocato pochissimo e dovrò assolutamente recuperare nella prossima lezione.

Una Risposta

  1. Tanti auguri di buon natale🙂

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...