• scacchi012

    Riflessioni, appunti e spunti sul gioco degli scacchi, sul loro insegnamento a bambini e ragazzi, soprattutto nelle scuole.
    Il blog è aperto ai contributi dei ragazzi e dei loro genitori e agli interventi di altri istruttori e insegnanti.

    Per domande, interventi o collaborazioni ci potete contattare ai seguenti indirizzi di posta elettronica:


    Stefano Tescaro stefano.tescaro@gmail.com
    Alex Wild: sasschach@gmx.net
    Sebastiano Paulesu: sebpaul@tiscali.it

    Creative Commons License

    Questo blog è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.

    scacchi012

  • Istruttori

    Sito degli istruttori di Federscacchi

    Il Forum degli istruttori del sito/blog Scacchierando

    Gli istruttori premiati dalla FSI per il 2010:

    FOTO: Gli istruttori dell'anno 2010: Roberta De Nisi, Olga Zimina, Eugenia Di Primio, Andrea Rebeggiani, Sebastiano Paulesu, Giuseppe Rinaldi

    Ne abbiamo scritto in un articolo su scacchi012.

    I premiati degli anni scorsi:
    - 2008
    - 2009
    .

  • Il nuovo libro di Alex!

    Per gentile concessione dell'editore (ediscere), pubblichiamo un estratto dell'ultimo libro di Alexander Wild per la serie Giocare a scacchi, I matti. Per scaricarlo, clicca qui.

    Wild, i matti

  • I racconti di Kob

    apici sinistraIl silenzio all'inizio del primo turno. Di un torneo così. Le prime mosse, quando tutto è ancora possibile. Quando ancora tutti i sogni hanno diritto di cittadinanza. Quei primi minuti. In cui non si alza nessuno. In cui davvero tutti, tutta una sala, centinaia di persone, condividono gli stessi sentimenti.apici destra

    Mauro Kob Cereda, Foto

    Link ai racconti di Kob.

Siamo quello che (ci) raccontiamo.

Una storia per imparareSi può “raccontare” una partita di scacchi?
Si deve! raccomanda lo scomparso professore argenti- no Jorge Laplaza, in questo articolo sul materiale didattico da consegnare agli allievi.
Laplaza, richiamandosi alle indicazioni del cubano Francisco Acosta Ruiz (l’articolo del quale si può leggere qui) raccomanda di evitare varianti chilometriche e suggerisce invece di abbondare con le spiegazioni verbali. Queste facilitano la lettura, rendendola accattivante e favoriscono  la formazione nella mente del lettore di una euristica degli scacchi, una estensione di quanto l’esempio ha mostrato a casi più generali.

Perciò in una lezione preparata a dovere, il racconto della partita dà struttura ai concetti.

Ma un altro autore, più famoso, ci avvisa anche dei problemi della narrazione applicata agli scacchi. Jonathan Rowson nel quarto capitolo del bel libro Chess for Zebras, prima chiarisce il suo punto di vista con una citazione della poetessa americana Muriel Rukeyser (1913-1980):

L’universo è fatto di storie, non di atomi.

per proseguire con una affermazione importante:

mentre stiamo pensando su una posizione, siamo, in molti modi,  narratori delle nostre partite.

e ancora:

lo scopo dell’analizzare accuratamente le vostre partite è farvi raccontare una storia accurata su di esse, al posto di valutazioni schematiche e vaghe come “ho cappellato”, o “non conoscevo l’apertura”, o “ho giocato senza un piano”.

e poi discute i pro e i contro della cosa, precisando, però che la creazione di storie è inevitabile, in quanto parte dell’essere umano.

Vediamo, seguendo Rowson, quali sono le caratteristiche della narrazione.

1) la narrazione crea una visione d’assieme – valutazione della posizione, obiettivi posizionali, manovre psicologiche – che dà senso alla parte (mosse, varianti).

2) ma attenzione perché
la narrazione potrebbe essere vaga e quindi portare a piani di gioco vaghi
–  la storia potrebbe farsi fabulazione, non più racconto dei fatti ma distorsione fantasiosa di essi attraverso il racconto. E in quanto si fa fabulazione, la narrazione ci può fuorviare. Rowson, con esempi tratti da partite sue e dei suoi allievi, ci mostra come la fabulazione può portare a giocare in modo stereotipato e inadeguato alle esigenze della posizione.

3) perciò una buona narrazione scacchistica è una storia

nella quale le valutazioni e le varianti che pensate danno senso le une alle altre
(…)
che ci dà l’esatta sensazione di capire cosa sta succedendo e perché
(…)
che contiene un elemento di incertezza (…) che lascia spazio alla versione degli eventi dell’avversario

Forse ho capito un’altra ragione che mi fa amare gli scacchi: sono una fonte inesauribile di storie, storie in cui gli elementi narrativi, i cosiddetti “princìpi” o “regole”, si ricombinano in modo sempre diverso e sempre riconoscibile (magari non subito, magari mediato dalle spiegazioni di un grande maestro, ma comunque riconoscibile). Chissà se Propp giocava a scacchi?

Una Risposta

  1. Interessante articolo. Complimenti🙂

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...