• scacchi012

    Riflessioni, appunti e spunti sul gioco degli scacchi, sul loro insegnamento a bambini e ragazzi, soprattutto nelle scuole.
    Il blog è aperto ai contributi dei ragazzi e dei loro genitori e agli interventi di altri istruttori e insegnanti.

    Per domande, interventi o collaborazioni ci potete contattare ai seguenti indirizzi di posta elettronica:


    Stefano Tescaro stefano.tescaro@gmail.com
    Alex Wild: sasschach@gmx.net
    Sebastiano Paulesu: sebpaul@tiscali.it

    Creative Commons License

    Questo blog è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.

    scacchi012

  • Istruttori

    Sito degli istruttori di Federscacchi

    Il Forum degli istruttori del sito/blog Scacchierando

    Gli istruttori premiati dalla FSI per il 2010:

    FOTO: Gli istruttori dell'anno 2010: Roberta De Nisi, Olga Zimina, Eugenia Di Primio, Andrea Rebeggiani, Sebastiano Paulesu, Giuseppe Rinaldi

    Ne abbiamo scritto in un articolo su scacchi012.

    I premiati degli anni scorsi:
    - 2008
    - 2009
    .

  • Il nuovo libro di Alex!

    Per gentile concessione dell'editore (ediscere), pubblichiamo un estratto dell'ultimo libro di Alexander Wild per la serie Giocare a scacchi, I matti. Per scaricarlo, clicca qui.

    Wild, i matti

  • I racconti di Kob

    apici sinistraIl silenzio all'inizio del primo turno. Di un torneo così. Le prime mosse, quando tutto è ancora possibile. Quando ancora tutti i sogni hanno diritto di cittadinanza. Quei primi minuti. In cui non si alza nessuno. In cui davvero tutti, tutta una sala, centinaia di persone, condividono gli stessi sentimenti.apici destra

    Mauro Kob Cereda, Foto

    Link ai racconti di Kob.

Gli scacchi hanno successo a scuola. Ecco gli ottimi risultati del primo anno di sperimentazione a Brunico.

Scacchi in classe ...anche a Vicenza

Avevo promesso qualche dato in più sulla valutazione del primo anno del progetto di scacchi scolastici a scuola che ho realizzato a Brunico.

Lo faccio sintetizzando il rapporto conclusivo dell’Ufficio per la valutazione esterna delle scuole di lingua tedesca in Alto Adige, Rapporto sulla valutazione del progetto “Scacchi Scolastici” nella scuola elementare St. Georgen (GSP Brunico) del Dr. Franz Hilpold.

Effetti sulle capacità cognitive dei bambini
I bambini delle due classi sono stati sottoposti ad un test cognitivo all’inizio del progetto e alla fine dell’anno scolastico. I risultati sono stati altamente positivi.

Primo test (poco dopo l’inizio delle lezioni scacchistiche)
Il dato qui sotto riporta il rendimento medio misurato dal test per le due classi

Classe 2A     90 punti (media rendimento)
Classe 2B      95      
Valori medi internazionali per la fascia di età dei ragazzi:  da 79  a 111

All’inizio dell’anno scolastico, quindi, la classe 2B rispecchiava il valore mediano rilevato con lo stesso test fra coetanei di diverse nazioni, mentre la classe 2A si posizionava leggermente al di sotto di questo.
  
Test a fine anno scolastico
Nel primo test mancava un alunno della 2A. Per un confronto omogeneo col primo test, i risultati di questo ragazzo non sono stati considerati nel calcolo della media della classe. Questo ragazzo nel secondo test ha conseguito il terzo miglior risultato della sua classe.
Considerando che i ragazzi hanno 6 mesi in più di età, il risultato normale atteso dovrebbe essere superiore di 9 punti a quello del test precedente. Ma i punteggi ottenuti sono stati molto più alti!
 
Classe 2A   118,5
Classe 2B    124,4
Punteggio medio internazionale del test da  88 a 120

6 mesi di scacchi hanno portato all'eccellenza i bambini di Brunico

Il numero di risposte o esercizi svolti è aumentato di molto, mentre gli errori sono aumentanti molto meno o sono rimasti quasi uguali di numero, quindi la percentuale di errore è scesa parecchio.
Soprattutto gli allievi molto scarsi nel primo test, nel secondo hanno diminuito di molto gli errori e aumentato di molto il numero delle risposte.
Il test era molto facile, non ci volevano molte spiegazioni, e per questo il fattore esperienza aquisita nel primo test non ha influito molto.

Classe 2 A
8 scolari su dodici, cioè 2 su 3, hanno decisamente migliorato;  3 ragazzi (1 su 4!) sono migliorati addirittura di due livelli, passando da un punteggio inferiore alla  media a uno superiore. Altri due ragazzi hanno ridotto drasticamente gli errori
 
Classe 2 B
9 su 14 hanno migliorato, da lievemente a enormemente. Gli errori sono leggermente aumentati in valore assoluto, ma la percentuale sul totale delle risposte date è diminuita significativamente proprio grazie al notevole incremento del numero di risposte.
 
La valutazione espressa dagli insegnanti
Valutazione iniziale:
fino a  fine Novembre – il progetto è cominciato a fine settembre – non si notava alcun cambiamento. Si continuava con l’esperimento dato che era ben organizzato e i ragazzi partecipavano entusiasti. Contemporaneamente c’era l’approvazione di molti genitori che supportavano il progetto da casa. (segue un elenco numeroso di cose che gli insegnanti si aspettano dagli scacchi scolastici!)

Valutazione a fine anno scolastico:
Molte aspettative si sono avverate. I ragazzi sono diventati significativamente più sicuri in attività più complesse, sono più precisi e concentrati che all’inizio dell’anno. Il progetto deve continuare, perché il valore aggiunto apportato dagli scacchi si sente chiaramente. I ragazzi non vedevano l’ora che arrivasse il giorno degli scacchi fino alla fine. Un grande aiuto è venuto da parte dei genitori. le insegnanti non hanno assolutamente sentito il progetto come un peso (lavoro in più, perdita di ore di insegnamento di altre materie, ecc.).
Nel corso del anno l’entusiasmo verso il progetto è aumentato anche da parte dell’insegnante che non è ancora convinto di poterlo fare da solo al 100%. [lo sarà verso la fine del secondo anno, Alexander Wild :-)]
 
La valutazione secondo i genitori 
10 genitori della 2A e 9 della seconda B hanno partecipato alla riunione di valutazione condotta dall’Ufficio provinciale di valutazione. I genitori sono stati intervistati singolarmente.
Tutti e diciannove sono favorevoli al progetto e vogliono che continui. Trovano il progetto “stupendo”, “importante” e “molto interessante”.
Alcuni genitori erano scettici all’inizio, non conoscevano gli scacchi e davano poco valore al progetto. Avrebbero preferito una qualsiasi materia scolastica in più. Molto presto però i dubbi si sono trasformati in entusiasmo, soprattutto quando hanno iniziato a vedere i progressi nella competenza e nell’autonomia dei ragazzi.
Le lezioni hanno influito anche sul comportamento a casa del ragazzo, e di conseguenza anche su quello dei genitori. I ragazzi hanno coinvolto i genitori e alcune mamme stanno imparando a giocare. In famiglia si gioca più spesso a scacchi.

I ragazzi, man mano che passava il tempo, hanno preso in mano la scacchiera sempre di più quando hanno  avuto la possibilitá di scegliere nelle fasi di gioco libero.
 
La valutazione finale dell’ufficio valutazione scolastica
Il progetto e i risultati ottenuti hanno avuto un tale successo che si valuta in generale il progetto come molto positivo.
Il Progetto è in ogni caso da continuare e ampliare ad altre scuole, se ci sono i presupposti interni necessari, come nella scuola del progetto.

Proprio per effetto del rapporto riassunto qui sopra, l’anno prossimo le scuole coinvolte, osservate e misurate saranno 5.

Una Risposta

  1. […] valutativo sul primo di sperimentazione degli scacchi a scuola a Brunico (ne abbiamo parlato qui) ha riscosso molto interesse nell’organizzazione tedesca che si occupa di scacchi nella […]

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...