• scacchi012

    Riflessioni, appunti e spunti sul gioco degli scacchi, sul loro insegnamento a bambini e ragazzi, soprattutto nelle scuole.
    Il blog è aperto ai contributi dei ragazzi e dei loro genitori e agli interventi di altri istruttori e insegnanti.

    Per domande, interventi o collaborazioni ci potete contattare ai seguenti indirizzi di posta elettronica:


    Stefano Tescaro stefano.tescaro@gmail.com
    Alex Wild: sasschach@gmx.net
    Sebastiano Paulesu: sebpaul@tiscali.it

    Creative Commons License

    Questo blog è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.

    scacchi012

  • Istruttori

    Sito degli istruttori di Federscacchi

    Il Forum degli istruttori del sito/blog Scacchierando

    Gli istruttori premiati dalla FSI per il 2010:

    FOTO: Gli istruttori dell'anno 2010: Roberta De Nisi, Olga Zimina, Eugenia Di Primio, Andrea Rebeggiani, Sebastiano Paulesu, Giuseppe Rinaldi

    Ne abbiamo scritto in un articolo su scacchi012.

    I premiati degli anni scorsi:
    - 2008
    - 2009
    .

  • Il nuovo libro di Alex!

    Per gentile concessione dell'editore (ediscere), pubblichiamo un estratto dell'ultimo libro di Alexander Wild per la serie Giocare a scacchi, I matti. Per scaricarlo, clicca qui.

    Wild, i matti

  • I racconti di Kob

    apici sinistraIl silenzio all'inizio del primo turno. Di un torneo così. Le prime mosse, quando tutto è ancora possibile. Quando ancora tutti i sogni hanno diritto di cittadinanza. Quei primi minuti. In cui non si alza nessuno. In cui davvero tutti, tutta una sala, centinaia di persone, condividono gli stessi sentimenti.apici destra

    Mauro Kob Cereda, Foto

    Link ai racconti di Kob.

Anche a Trieste meno è di più.

Riferisco una storia vera che mi ha raccontato Massimo Varini, istruttore FSI e Fide che si è formato in Russia (ha anche un sito internet)

da una foto di Rodger Levesque / Flickr.com

da una foto di Rodger Levesque / Flickr.com

Il vecchio e il maestro.
A Trieste c’è un signore anziano (lo chiamerò “il vecchio”) che segue una sessantina di ragazzi e non supera o non raggiunge il livello di 3N. 
I ragazzi giocano come giocano e hanno piacere nel giocare.

Sempre a Trieste c’è Massimo, che aveva 12 allievi giovani e non capiva come mai il vecchio ne avesse invece 60.

Il vecchio li lasciava giocare come volevano, proprio come faccio io a scuola, senza intromettersi.  Rispondeva alle loro domande solamente a richiesta e neanche sempre.
A Massimo, istruttore sportivo – agonista, per usare un termine a me caro –  questo sistema sembrava assurdo, non riusciva a capirne le qualità. Fino al giorno in cui tre allievi del vecchio vennero a prendere lezioni da lui.
Massimo era leggermente preoccupato, non voleva dare l’impressione di portare via gli allievi ad un altro istruttore, ma poi ha scoperto che glieli aveva mandati il vecchio.
Da quel momento i due si sono frequentati e Massimo ha scoperto che ogni tanto alle lezioni del vecchio si univa anche un suo amico candidato maestro, anche lui anziano. Anche questo candidato maestro evitava di interferire quando i ragazzi giocavano fra di loro. E quando spiegava loro qualcosa non usava mai la lavagna magnetica, ma la scacchiera da tavolo, anche nelle lezioni di gruppo.

Massimo non ci capiva più niente; gli pareva di essere in un altro mondo.

La morale della storia: meno è di più.
Se vuoi vedere effettivamente come un ragazzo si relaziona con gli scacchi, meno gli dai, più puoi essere sicuro che il ragazzo abbia una relazione con gli scacchi personale, soggettiva, e senza influenze.
Questo facilita il riconoscimento di chi è adatto a praticare l’agonismo, perché ha talento o anche solo la voglia di lavorare e impegnarsi. Non si perde tempo e soprattutto non si sforzano inutilmente i ragazzi, che sotto sotto vogliono solamente giocare, e dal gioco ricavano comunque effetti benèfici.

Massimo Varini

Massimo Varini

Ciò che accomuna tutti i giocatori indipendentemente dalla loro “forza” di gioco, è la capacità di creare un’idea e tradurla in pratica, che sia una semplice minaccia o un piano articolato a lunga gittata.
(Massimo Varini, Il pensiero autonomo)

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...