• scacchi012

    Riflessioni, appunti e spunti sul gioco degli scacchi, sul loro insegnamento a bambini e ragazzi, soprattutto nelle scuole.
    Il blog è aperto ai contributi dei ragazzi e dei loro genitori e agli interventi di altri istruttori e insegnanti.

    Per domande, interventi o collaborazioni ci potete contattare ai seguenti indirizzi di posta elettronica:


    Stefano Tescaro stefano.tescaro@gmail.com
    Alex Wild: sasschach@gmx.net
    Sebastiano Paulesu: sebpaul@tiscali.it

    Creative Commons License

    Questo blog è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.

    scacchi012

  • Istruttori

    Sito degli istruttori di Federscacchi

    Il Forum degli istruttori del sito/blog Scacchierando

    Gli istruttori premiati dalla FSI per il 2010:

    FOTO: Gli istruttori dell'anno 2010: Roberta De Nisi, Olga Zimina, Eugenia Di Primio, Andrea Rebeggiani, Sebastiano Paulesu, Giuseppe Rinaldi

    Ne abbiamo scritto in un articolo su scacchi012.

    I premiati degli anni scorsi:
    - 2008
    - 2009
    .

  • Il nuovo libro di Alex!

    Per gentile concessione dell'editore (ediscere), pubblichiamo un estratto dell'ultimo libro di Alexander Wild per la serie Giocare a scacchi, I matti. Per scaricarlo, clicca qui.

    Wild, i matti

  • I racconti di Kob

    apici sinistraIl silenzio all'inizio del primo turno. Di un torneo così. Le prime mosse, quando tutto è ancora possibile. Quando ancora tutti i sogni hanno diritto di cittadinanza. Quei primi minuti. In cui non si alza nessuno. In cui davvero tutti, tutta una sala, centinaia di persone, condividono gli stessi sentimenti.apici destra

    Mauro Kob Cereda, Foto

    Link ai racconti di Kob.

Chess and Computer Science at the Infant School

I have two passions:  Chess and Computer Science Education

Most of chess-player friends of mine are also IT experts; thus I have always asked myself whether these two subjects have something in common, and if the game of chess might in some way help develop computer skills.

But which skills should computer science students have?

Professor Bill Freeman* and Professor John Guttag** answer

Computer Science and Chess involve both sides of the brain

Someone who enjoys solving problems, and who can think analytically, can do well at computer science…The study requires mathematical aptitude, but mostly an ability to organize and to think both creatively and logically.

These are the same requirements for a good chess player!

The game of chess contains the basic elements of structured programming: sequence, selection and iteration (for instance  checkmate with rooks); the research based on artificial chess players is one of the main investigations on Artificial Intelligence. The relationship between mathematics and chess is widely recognized, and there are various pathways and methodologies that exploit the chess board to offer mathematical activities. But what about Computer Science children Education?

G. Kasparov vs Deep Blue (Source: AFP)

I submitted a proposal based on this idea to various universities, and finally last year Professor Laura Fedeli, teacher of “Play methodology and technique” at the University of Macerata, assigned a dissertation around this theme to brilliant student of Primary Education Science Barbara Falcioni (who already holds a degree in Cultural Heritage).

The dissertation concerned the development of algorithmic and computational thinking using psychomotor activities on a giant chessboard (PSG).

The PSG  methodology has been used for several years at San Michele kindergarten in Fabriano (AN), starting with Mauro Gaspari, a chess player and computer scientist. The aim of the workshop is not teaching children how to play chess, but to let them approach the world of chess with the same curiosity they have when listening to a fairy tale, trying to enter it gradually, until they become part of it.  A short description of the workshop structure can be found at: https://scacchi012.wordpress.com/2012/09/20/psychomotricity-on-giant-sized-chessboard-at-a-kindergarten/

The psychomotor practice is a fundamental element for a healthy development of the child, which is favoured by sense-motor play in which “the pleasure of acting enhances the pleasure of thinking”(B. Aucouturier). Furthermore, from last studies on neurosciences, it has been confirmed how psychomotor activity favours learning, speech development and abstract thinking, thus enhancing creativity and social abilities in children. In this kindergardenl setting, teacher Luana has been practising the Aucouturier method with success for several years. During the pathway the child’s cognitive, emotional and motor spheres are therefore satisfied (Hearth, Hand, Head, by Pestalozzi’s idea).

Various types of activities have been analysed by our research, as follows:

1) Square Perimeter Walk

(derived from csunplugged.org)

The chessboard construction requires 64 squares to be arranged in a square perimeter, marked by  four large black bands.

In this activity children were asked to prompt simple commands (Forward/Stop/Turn) which a blind teacher had to follow, to walk along the perimeter of the square, in such a way as to avoid “falling”. The children were then asked to try the activity themselves.

2) Construction and “destruction” of the chessboard

It is believed that this activity is very important both for the cognitive development of the child, and for the social abilities involved. The children, working together, will have to find a strategy to build up the whole of the chessboard in a proper and orderly arrangement, proposing and argumenting their solutions. Children also experiment order and lack of order from the point of view of space, time and movement.

int1

3) Construction of the king’s crown

A recipe is a simple algorithm, so understanding a simple process as building a crown helps to develop algorithmic thinking: the input required (paper, scissors, scotch-tape..), how to process the input (processing) and what is the output (the crown). Therefore the children had to perform and share the necessary steps for the construction of the crown: folding, cutting, colouring, sticking and wearing.

4) Capture simulation

Children are invited to collect objects or to hold a friend on the chessboard, in presence of obstacles (often other children), asking them to explain the direction needed FORWARD/OBLIQUE (diagonally), the number of squares (estimating) to walk on, and, if necessary to change direction (TURN), according to the character and the story they are interpreting (mainly King, Rook, Bishop). A request to identify a shorter path has been asked, also to collect objects in several moves (in previous experiences they were blocks of the same colour, letters, numbers, syllables, pieces of jigsaws to make up, association games), taking turns with another class mate (relationship with others).

cattura

5) Transformations

Use of a double-sided chessboard enabling both sides to be used. Children were asked to transform the chess board in a special pattern or interesting drawing, explaining aloud, rhythmically, their task (for example 1: White/White/Black) and adducing arguments for the repetitions present in case of controversies on the process to use to obtain the solution sought.We have also worked on smaller chessboards 5×5 (25 squares) to make other games that we envisaged as more suitable and significant for the small child. Strong  importance given to storytelling when we have asked to transform the chessboard.

cane

6) Graph Paper Programming

(derived from code.org)

6a) SYMBOL-ACTION SHARING

segni

Change side, Forward and Return symbol

This activity, the most complex, includes a first moment of sharing commands (study of the symbol-action to be used), followed by a pathway for the White King who meets the Black King. In the pathway all chess characters gradually met, responding to the rhymes which were different every time and dramatised (the children enjoyed very much the activity with these strange characters).

Senza titolo

The story has been perceived by children in a completely different way (two examples)

img024

Children A (male 5ys old)

Children B (female 5ys old)

Children B (female 5ys old)

6b) SYMBOL-ACTION

In the second part of the activity commands were used to solve a riddle whereby it was asked to interpret a secret code revealing a mysterious character which was chasing the bishop  “l’affannoso Alfiere” : the Rook

Code to be solved

Code to be solved

torre1

The solved mystery

2

Code to be solved (modified)

 6C) ACTION-SYMBOL

In this last part we used an application to see how children succeeded in translating into symbols, autonomously and freely, the actions of a small bee who had to collect nectar from highly scented and very colourful flowers.

beebot3-wjnlwzWe used the APP BeeBot^, chosen for the strong narrative component, for the graphic choice and the symbols used; this application did not, however, allow memorising the solution code, therefore it was necessary, when reaching a certain stage of complexity, to write down on paper the solution algorithm. This conclusive activity was very interesting, it enabled making numerous observations and it brought into action the different competences of the children, as well as the need by some of them to physically experiment movements (such as in activities 4 and 6.a).

sxrittura1

Children C                                        Children D

Amongst the other App analysed, such as Kodable, KargoBot and so on, LighBot was interesting from the point of view of code writing, while narrative was absent and the graphics used was poor.

klee-paul-super-chess-2632949

Paul Klee- Superchess (1931)

Some software, app, teaching children how to play chess satisfy these abilities, although we believe that in this age-group it is not at all necessary to exploit information technologies to teach children to think like a computer scientist (or a chess player), but priority should be given to psychomotor activities, as holistic approach developing willing, feeling and thinking. Other board games also develop these skills,  such as the Go Game, but due to the strong symbolism of the game of chess and the archetypes of the pieces, chess is preferable to any other games.

laurea barbara 514

Barbara Falcioni and me (during the academic achievement ceremony)

Interesting resources

2012 CHESS AND MATHEMATICS: LEARNING BY PLAYING – Torino – Chess in School 28 May 2012 Conference Imparare il pensiero Computazionale di Michael Lodi (2013) L. Barzanti, S. Fabbri Gli scacchi come strumento per la didattica della matematica G.R.I.M., n.16 2006 12 games that teach kids to code — and are even fun, too Gatto Vittorio Graph Paper Programming by code.org Computer Science unplugged Psicomotricità in età prescolare by Sebastiano Paulesu Note *Associate Department Head of Electrical Engineering and Computer Science **Professor and former head of department at MIT ^BeeBot is a robot designed for teaching sequence, estimation and problem solving, now it is ready an APP version. http://www.bee-bot.us/

Annunci

Psychomotricity on giant-sized Chessboard at a Kindergarten

Written by
Maria Beatrice Rapaccini e Mauro Gaspari

The psychomotor activity here described, performed on a giant chess board, was developed at a kindergarten, which is part of the IC “Marco Polo” School Institute of Fabriano (AN), in the Marche Region, Italy, and it is a collaboration with Mauro Gaspari,chess lover, and the teacher Luana. This project is the result of inspiration drawn from various sources: the works of A. Pompa, S. Paulesu, C. di Mauro, the A.Wild’s inspiration, and of an adaptation of the PSG protocol (Psychomotor Activity on a giant Chessboard) by Prof. Trinchero from the University of Turin.

The aim of this workshop is neither learning how to play chess, nor the acquisition of the competition attitude which is necessary to win games or to set up challenges. At this stage we do not intend to associate the world of chess with the desire for competition; on the contrary, we would like the children to approach that world with the same curiosity they have when listening to a fairy tale, trying to enter it gradually, until they become part of it. At the end of the school year they become capable of interpreting this world through a theatre performance.

In the magical world of chess children stroll up and down a giant-sized chessboard, they meet characters (the pieces of the game), they learn to move like them, dressed up to look similar to them, forming orderly arrangements, and singing songs and rhymes along with them (at least one for each type of move the characters are able to make).

The children thus make experience of the sense of geometrical space and of the options for movement that this offers, also in relation with the presence of other children; then they experience the sense of time, the rhythm marking the actions, but also the slow pace of the pawn or the speedy passing-by of the bishop, and, lastly, the sense of energy emerging from collaboration: characters who help one another, such as the two rooks, acting together, or like the many pawns lined up in array, ready to march forward supporting one another.

Scheme of the activities

Each lesson starts with the construction for the chessboard and it ends with its dismantling in the rhythm of the relevant opening and closing songs.

The arrangement of the chess pieces takes always place while a fairy tale is being told, a tale that contains the characteristics of the piece in question, of the game of chess, and the moral qualities of a good chess player. The moves of the pieces are shown while rhymes (which have been written and put to music for this purpose) are being sung.

The fairy tales all belong to the folk tradition, drawn from the Brothers Grimm collection, except for the one for the knight, which is a tale from the Arab cultural tradition.

Most of the activities are based on a spirit of cooperation and collaboration, therefore the individual child’s satisfaction arises from well accomplished work, and in the case of the individual or group exercises, from the congratulations he/she receives from his/her class mates. We have never spoken of checkmate and the pieces are never captured, let alone ‘eaten’.

The scheme of a sample lessonis as follows:

  • “Opening” sung rhyme while building up the chessboard
  • Animated narration of a fairy tale
  • Sung rhyme relevant to the piece and presentation of its movement
  • Individual and group exercises
  • “Closing” sung rhyme and dismantling of the chessboard

Construction and “Destruction” of the Chessboard

One of the preliminary and most important activities of our project is the building up and the “dismantling” of the chessboard.

For building it up the chessboard 64 squares are needed measuring  25×25 cm, with one side white and one side dark (double sided), which have to be arranged in a square perimeter, marked by four large black bands made of plastic material. The whole of the chessboard is used for the exercises, including the side strips.

The chessboard that we make is not actually giant-sized, as its dimensions represent a compromise with the space available in our kindergarten, which does not have a gymnasium.

It is believed that this activity if very important both for the cognitive development of the child, and also for the social abilities involved. The children, working together, will have to find a strategy to build up the whole of the chessboard in a proper and orderly arrangement.
At the beginning they are left free to find a solution, then they are invited to argument the suggested solutions, and finally to implement them. The solution may be relevant to localised problems (for example a square has been placed incorrectly) or generalised problems (for example what is the best way to start building up the chessboard). In the process, it has been observed how roles are taken up autonomously: those distributing the squares, those who place the squares down, those observing and those adjusting.

The building up of the chessboard with its relevant “opening” song, prepares the children for the right concentration which is needed later on, during the narration of the fairy-tale and the performance of the exercises. To come to a close, at every lesson a “closing” rhyme is sung, complementary to the opening one, which is necessary to accompany the “dismantling” phase.

The Transformations of the Chessboard

Everything acquires value thanks to its opposite and it lives with it; darkness is illuminated by light and light is darkened by darkness in the movement of opposites: an active and a passive movement, one offensive and one defensive. Black and White may be transformed into one another. Exploiting the reversibility of the squares of our chessboard, the children are faced with simple transformation activities of it.

The chessboard, therefore, may be transformed from 8 by 8 squares in one which is 4 by 4, which is easier for the children to handle, and where calculation exercises are possible. Subsequently, in a simpler 2 by 2 one, to achieve a black board (all black) or a white board (all white). Then there are surprising exercises for the children, those relevant to the creation of some check schemes, as they were playing with large pieces of a mosaic, doing special tasselation. Some examples:

The exercises

The activities performed during the lessons are mainly drawn from the italian book “Gli scacchi e i bambini: appunti per una teoria della mente” (Chess and the children: notes for a mind theory”  by A. Pompa et al., and from some posts on Psychomotricity appeared on Stefano Tescaro’s web site Scacchi012.

The chessboard related activities, some of which are explained in the above mentioned posts, concern two types of exercises: walks, whereby the child moves in order to carry out exercises; and transformations, whereby the squares are moved.

The walks

These are both individual and group exercises. There are exercises aimed at exploring space; exercises of alternation in the rhythm, in the colour and in the type of movement; exercises of orderly and disorderly arrangement; laterality exercises; exercises for the formation of configurations while moving; identification and positioning of the coordinates of a house. Group exercises: games with letters, colourful skittles, syllable jig-saws, purposely made cards.

The transformations

Use of a double-sided chessboard enabling both sides to be uses: histograms and games with numbers; construction of special “chessboards”; tesselation exercises and walking within “walls” created by the various arrangements created (internal, external, in and out; and, in the whirl movement, converging and diverging).

Complementary activities

The workshop takes place once a week and it lasts approximately one hour. During the week the teachers start complementary activities including drawing, sculpting, painting, piece constructions, dress-up costume preparation, performing reinforcement exercises, intertwining, and so forth.
The prompts for activities to implement after every lesson are varied and they may be explored in depth. In particular drawing is an aspect which is worth studying in detail, bringing it into relation with the child’s school readiness.
During this school year we have started the accomplishment of a simple practical workbook for kindergarten.

Future developments

An aspect of this workshop that we care very much about is the affective and emotional aspect involved in this experience. Furthermore, it has been observed that the game and the pieces acquire a more empathic value for children. After three years the children still remember with enthusiasm the rhymes, the movements and the games suggested.

The game of chess, therefore, offers a very wide interdisciplinary curriculum approach, and it is not limited to the mere development of logical and mathematics abilities; it helps towards stress and emotion control, towards effective decision making, even though in Italy, unfortunately, this game is not so widespread in schools.

An encouraging piece of news comes from the European Union. The European Parliament have stated, thanks also to the intervention of Garry Kasparov, that chess is not only a game, but a true sport, in that it helps children’s development, and they have provided indications for the future to ensure allocation of more funds to implement chess workshops in schools.

The European Parliament declaration dated 15th March 2012 invites the Commission to:

– encourage the introduction of the programme “Chess in Schools” in the educational system of the Member States;

-in its forthcoming communication on sport, to pay the necessary attention to the program ‘Chess in School’ and to ensure sufficient funding for it from 2012 onwards;

– dtake into consideration the results of any studies on the effects of this programme on children’s development;

The advantages of chess in schools are now well known. Last May a Conference was held in Turin on “Chess and mathematics : learning by playing”, which was a continuation of the conference held in 2009 “Chess: a game to grow up with”, where it is shown how the advantages involve the various disciplines, as well as the aspects relevant to socialization and ethics.

Our speech on the Conference in Turin:

Resources concerning the advantages of chess may be found in the World Chess Federation (FIDE) website.

For further information concerning the exercises, the rhymes or the project in general please write to the following email address: kinderchess(at)yahoo.it

Oristano: Incontro sulla psicomotricità.

Nello scorso fine settimana il Comitato Regionale Sardegna della Federazione Scacchistica Italiana, grazie alla preziosa disponibilità logistica della Società Operaia di Mutuo Soccorso (SOMS) di Oristano, ed alla gentilissima collaborazione della maestra Paola Russo di Savigliano, Alessandro Pompa di Roma e del sottoscritto, ha potuto illustrare ad una platea composta da circa 30 insegnanti di ogni ordine e grado della scuola, una prima esposizione teorica della psicomotricità su scacchiera gigante.

Si tratta del primo evento che il Comitato Regionale sardo, presieduto da Giovanni Mascia di Cagliari,  ha pensato per inaugurare la costituenda “Struttura degli istruttori sardi”, che avrà lo scopo di colmare una lacuna: quella della formazione permanente degli istruttori, sia scolastici, sia sportivi sia “sociali”.

Ma torniamo all’evento. La mattina in qualità di coordinatore dell’incontro ho introdotto gli splendidi lavori di Maria Beatrice Rapaccini e Mauro Gaspari – ottimamente testimoniati in questo sito – che purtropppo non siamo riusciti economicamente ad invitare di persona ad Oristano: ma siamo già daccordo che al prossimo appuntamento non mancheranno.

Ciò che ho voluto sottolineare di tutta l’esperienza nelle Marche è stata la grande condivisione coi bambini, in una creatività costruttiva che segna un vero modello didattico per tutti coloro che vorranno sperimentare la psicomotricità coi bambini dai 4 anni un su: la costruzione della scacchiera; l’introduzione della musica; le filastrocche; i giochi motori utilizzati; i momenti di attenzione, riflessione e comprensione… Non credo di esagerare nel dire che Maria Beatrice e Mauro, al loro primo anno di sperimentazione, hanno tratto il meglio dalle idee precedenti (Lazio, Piemonte, Sardegna)  ed abbiano introdotto a pieno merito le Marche all’avanguardia rispetto a questa innovativa pratica!Un momento dell'incontro.

Metodo ideografico.

Con l’ausilio di una mia scacchiera ideografica, ho voluto fare un quadro delle potenzialità formative della psicomotricità. Nel mio personale approccio alla psicomotricità non posso non citare il “quaderno” che ho sviluppato grazie al mio prezioso collaboratore Michele Devilla, che ha la funzione di “raccordare ” l’esperienza motoria a quella “scolastica” e viceversa, poichè gli esercizi proposti nel quaderno (puzzle, labirinti, pre-grafismi, disegni…) sono poi riportati nella “mappa” della scacchiera ideografica (con le solite icone delle orme, dei muri, dei fuochi ecc.) per poi essere eseguiti in coinvolgenti giochi corporei all’interno della scacchiera gigante. Il metodo ideografico, come ho scritto anche altrove, si completa realmente con questa pratica psicomotoria, perchè si passa dall’idea più astratta a delle immagini o dei suoni, quindi alla manipolazione di oggetti sullo sfondo di una griglia ben definita (la scacchiera 10×10!), infine nell’azione o rappresentazione anche plateale della stessa!

Gli scacchi come terapia.

Alessandro Pompa

Nel primo pomeriggio Alessandro Pompa, molto apprezzato da tutti i presenti, ha fatto una splendida premessa a partire dal convegno “Giocare a scacchi con la mente” svoltosi a Pomezia lo scorso anno, sulla potenzialità degli scacchi per l’inclusione di soggetti diversamente abili (“come noi tutti siamo” ha affermato Alessandro), sulla possibilità di riprogrammare le attività didattiche con un’azione di mediazione tra docente e discente (metodo Feuerstein, brillantemente esposto sempre a Pomezia dal Prof. Mauro di Mauro dell’Università Cà Foscari di Venezia).

L’esposizione di Alessandro, non scevra di continui giochi di parole secondo un suo ormai riconoscibile stile, ha poi illuminato i presenti sul valore educativo del gioco degli scacchi, ripercorrendo anche storicamente la funzione della FSI come ente morale e facendo degli omaggi a personaggi che si sono particolarmente distinti  nell’ambito della formazione.

La psicomotricità, secondo Pompa, può fungere benissimo un ruolo diagnostico non solo sulle capacità di apprendimento dei bambini, ma persino sulla capacità del sistema scolastico di rinnovarsi e di individuare buone pratiche per la didattica relativa allo sport ed alla consapevole cittadinanza delle future generazioni: iniziando con una condivisione – mettendosi in gioco – delle basilari regole. Proprio questo è stato il senso di una esemplificazione pratica che lo stesso Pompa ha mostrato, con l’aiuto di un suo vecchio allievo (Francesco Pes, venuto proprio per salutarlo) e della campioncina regionale Under 8 Maria Cristina Pannella. Il gioco consisteva nel togliere le case al Re (Alessandro) alzando le mani (Francesco e Maria Cristina) ogni volta che questi finiva sotto scacco.

Paola Russo

La scacchiera come palestra!

Nel pomeriggio ci ha raggiunto – dopo una breve “odissea” aerea – anche Paola Russo, che ha fatto una interessantissima relazione agli insegnanti (molti di loro insegnano proprio educazione fisica) sull’utilizzo della scacchiera gigante per fare interiorizzare concretamente molti concetti astratti curriculari di materie come la matematica, geometria, storia, geografia e motoria. L’enfasi della relazione di Paola era posto soprattutto nella ricerca di soluzioni adeguate di fronte alle molteplici difficoltà che si incontrano nel quotidiano, mostrando una costante di tutti gli approcci didattici: una sincera attenzione alla formazione globale dei giovani.

La struttura dell’intervento di Paola Russo è la suddivisione del metodo didattico in due distinti moduli di 8-10 lezioni ciascuno: nel primo modulo si passa dalla spontanea esplorazione dello spazio alla consapevolezza dei primi concetti spaziali, ritmici e numerici. Si passa alle prime esperienze guidate, all’assegnazione di istruzioni di gioco, al problem solving, promuovendo emotività e accentundo il momento creativo, relazionale e le competenze acquisite per consentire la trasferibilità ad altri contesti.

Gli strumenti proposti sono in genere facilmente reperibili: una scacchiera di stoffa, corde, cappelli, coni, palle, tamburelli e fischietti (persino una vera canna da pesca!); coi quali sono possibili molteplici varianti ai giochi proposti per graduarne la difficoltà e tenere sempre viva l’attenzione dei partecipanti.

Nel gioco poi vengono “tirati in ballo” i vari blocchi emotivi e relazionali, e vengono risolti grazie alla consapevole guida dell’istruttore che li usa come espedienti per fornire i “giocatori” di nuovi strumenti psicologici, per arricchire la formazione del carattere.

Alla ricerca del gioco perduto!

Alla ricerca del gioco perduto… 

Prosegue l’esperienza con la psicomotricità nelle scuole di Sassari (8° Circolo  “Galileo Galilei”e 13° Circolo di via Forlanini, entrambi di scuola primaria), in attesa di introdurre finalmente il progetto presso le scuole dell’infanzia come strumento propedeutico all’alfabetizzazione elementare: dell’istruzione, dell’attività motoria e naturalmente degli scacchi. 

Pertanto il mio personale percorso benché sia svolto nelle scuole primarie sta procedendo nell’ottica di coinvolgere i bambini della scuola dell’infanzia, cioè di 4 e 5 anni. Coerentemente con quanto mi ero prefissato questa esperienza è fondamentalmente motoria, ma con un orientamento ludico che ha l’ambizione di far condividere ai bambini partecipanti l’accettazione delle regole del gioco: mi presento quindi a loro – con una certa enfasi – come “Maestro di gioco” e gli propongo dei giochi semplici che la mia generazione giocava tranquillamente per strada pochi decenni fa, mentre ora è assai raro trovare bambini che abbiano gli spazi urbani per praticarli. 

Il primo gioco proposto è un semplice gioco di memoria (che serve anche alla mia per ricordare i nomi dei bambini) e consiste nel farli entrare uno per uno sulla scacchiera e fargli dire a voce alta il proprio nome: per esempio il primo entra sulla scacchiera si posiziona sulla casa A1 e dice il suo nome (Mario); il secondo si posizionerà su A2 dando così le spalle ad A1 e dovrà ripetere il nome di A1 ed il proprio (Luigi); quindi entra un altro bambino si dispone in A3 ripetendo i nomi di A1, di A2 ed il proprio (Alessio)… Il gioco sembra semplice, ma quando devono entrare sulla scacchiera 24 bambini c’è da divertirsi: un vero e proprio allenamento! 

I bambini all'esterno devono memorizzare le posizioni dei compagni all'interno.

Questo gioco si può naturalmente migliorare con delle varianti più motorie, come procedere con saltelli, oppure più mnemoniche: basta chiedere ad ogni bambino di entrare a caso su una qualsiasi casella e lo scopo del gioco è ricordare tutte le entrate precedenti (non lo crederete ma al momento ci sono bambini di prima elementare che hanno dei record personali di 14 associazioni nomi-caselle: siamo ancora ai primi “esercizi”, vi aggiornerò sui prossimi sviluppi!) 

Altro gioco che manda i bambini in visibilio è quello popolare dei “4 cantoni” : consiste nel far disporre ai 4 angoli della scacchiera altrettanti bambini; un altro bambino si posiziona invece al centro della scacchiera ed il suo compito è quello di “rubare” il posto d’angolo ad uno dei quattro bambini che ad un battito di mani della maestra dovranno obbligatoriamente cambiare di posto (pena l’immediata sostituzione con un altro bambino in “lista d’attesa”). Il gioco è accattivante, può essere reso più complesso con un falso allarme (cioè un battito di mani estraneo a cui è vietato muoversi pena la sostituzione) che mette i bambini di fronte ad una ulteriore prova di attenzione! Il numero dei bambini non è mai un problema: il fatto che siano “troppi” si può usare come espediente nella didattica  per disciplinarli all’attenzione sostituendoli per “punizione” ogni volta che sconfinano dalle regole: spesso è sufficiente dir loro che perderanno il turno per far sì che riprendano subito il giusto contegno di gioco! 

Altri giochi proposti sono stati il classico Paradiso (o Mondo o Campana a seconda delle regioni italiane) che consiste nel fare un percorso definito all’interno della scacchiera secondo delle regole: io ho proposto di saltellare con un solo piede nelle case nere e con due nelle bianche; è vietato mettere un piede su due caselle; chi sbaglia cede il turno ai compagni.
Il “Ruba-bandiera” fatto per far prendere loro confidenza con le coordinate alfanumeriche: ma si può fare anche cambiando di volta in volta (per esempio assegnando alle lettere delle colonne il nome di città, oppure colori, oppure animali o – come proposto da Alessandro Pompa e Filomena Morrone – delle illustrazioni di carta!). 

Palla “avvelenata” in cui essere colpiti in linea retta dalla palla comporta l’eliminazione dal gioco; “Gira la ruota”: si fanno muovere i bambini a caso all’interno della scacchiera e ad un battito di mani (o altro suono convenuto) devono fermarsi nella casella in cui si trovano; quindi si passa la palla ad un bambino e si chiede di colpire un giocatore che occupa una casa specifica (sempre per insegnare le coordinate, che non sono contrassegnate sulle scacchiere proposte). 

Un'azione di "palla avvelenata"

La maggior parte dei giochi all’aperto possono essere adattati allo spazio della scacchiera gigante, che anzi ne delimita i confini di campo rendendo necessarie le regole. Chi non avesse avuto – come il sottoscritto – la fortuna di giocarne a centinaia nella propria infanzia può trovare delle schede dettagliate nel sito dell’accademia del gioco dimenticato . 

Per una filosofia del gioco… 

Agli Istruttori che vogliono cimentarsi con la psicomotricità su scacchiera gigante consiglio inoltre vivamente la bellissima “Enciclopedia dei giochi” in due volumi di Giampaolo Dossena, edita da Mondadori, che contiene ben 1600 giochi con regole e istruzioni: fatevi ispirare ci sono davvero molti spunti interessanti come quello che propongo qui di seguito. Oltre a tutti i tipi di gioco (di movimento, di società, di parole, di strategia ecc.) ci sono anche delle schede relative ai personaggi importanti per la teoria del gioco, ed io ho letto con particolare attenzione quella di Roger Caillois – nato a Reims nel 1913 e morto a Parigi nel 1978 – si occupò del mito, del sacro e soprattutto dei giochi, scrivendo nel 1958 il libro “Les jeux et les hommes”  (I giochi e gli uomini), e curò nell’enciclopedia diretta da Raymond Queneau (“Encyclopédie de la Pléiade” edito da Gallimard) il volume su giochi e sport pubblicato nel 1967. 

Le idee di Caillois sui giochi si riferiscono esplicitamente a quelle di Johan Huizinga, il cui “Homo ludens” (altra pietra miliare!) era uscito nel 1938.  Caillois pensa di poter classificare i giochi in 4 categorie : 

  1.  agon o competizione
  2. alea o caso
  3. mimicry o maschera
  4. ilinx o vertigine

Per esempio gli scacchi sono puramente competitivi, mentre un tiro di dadi è completamente aleatorio; l’altalena è di pura vertigine e i bambini che giocano alla guerra fanno un gioco di “maschera”. Persuasiva è inoltre l’idea di Caillois che tutti i giochi si muovano lungo 2 piani fondamentali, la “paidìa” o turbolenza e il “ludus” o regola, che non sono categorie di gioco ma modalità di giocare. 

Anche il matto con donna e torre diventa un esercizio di psicomotricità.

E proprio con quest’ultima osservazione mi voglio collegare alla mia esperienza: tutti questi giochi di psicomotricità possono portare facilmente ad un’euforia tipica dei giochi di movimento verso una turbolenza (o “paidia” come la definiva Roger Caillois in contrapposizione alla regola o “ludus”) in tal caso spesso è utile riportare i bambini verso giochi di attenzione o memoria, in cui devono fare affidamento su un minimo di silenzio: io ho proposto dei giochi con una serie di oggetti che vengono disposti sulla scacchiera e che devono essere memorizzati; divido la classe in due o più squadre e li faccio sfidare assegnando ad una squadra il compito di spostare un oggetto (mentre gli altri sono voltati dall’altra parte) e quindi lasciare indovinare all’altra squadra quale oggetto è stato spostato. Dopo i primi tentativi ingenui iniziano a delinearsi alcune strategie ed organizzazioni, di cui vi parlerò prossimamente… 

Il gioco anziché con attrezzi di psicomotricità va bene anche coi pezzi degli scacchi!

Psicomotricità per bambini in età pre-scolare

giocoLa nuova frontiera degli scacchi a scuola.
Dalla prima volta che me ne parlò Alessandro Dominici (Conferenza istruttori FSI- Merano 2008) illustrandomi il programma portato avanti da Paola Russo, la psicomotricità su scacchiera gigante ha attratto tutti i miei interessi didattici nei confronti dei bambini e rappresenta secondo me la nuova frontiera degli scacchi scolastici.
In seguito, grazie ad un suggerimento di Giulio Francalancia e dell’amico istruttore Franco Loi di Cagliari, ho scoperto lo splendido lavoro di Alessandro Pompa “I bambini e gli scacchi” dove ho trovato numerosi spunti!

Così già lo scorso anno scolastico ho iniziato a sperimentare un approccio nuovo (rispetto alle esperienze in Piemonte e nel Lazio) che da una parte riguarda gli schemi pre-motori e pre-logici; d’altra parte coinvolge la creatività dei bambini e la loro propensione ad inventare storie;  ma andiamo con ordine.

Naturalmente l’Ottavo circolo didattico di Sassari.
Proposi un laboratorio sperimentale  alla maestra Domenica Mura, responsabile delle attività motorie dell’Ottavo circolo didattico “Galileo Galilei” di Sassari, dove lavoro ormai da oltre 6 anni (e con all’attivo due finali nazionali GSS).
Dopo un incontro tecnico con le maestre della scuola materna abbozzammo un programma per iniziare, ma purtroppo a causa di adeguamenti edilizi il progetto iniziò solo a marzo e con tre classi di prima elementare, rimandando il proposito di coivolgere i bambini dai 3 ai 5 anni nel prossimo anno scolastico, con la novità di una splendida scacchiera pavimentata proprio all’ingresso della scuola!

Oltre ai citati lavori di Paola Russo ed Alessandro Pompa gli altri punti di riferimento del mio programma sono  Jean Le Boulch (il padre della psicocinetica),    Bernard Aucouturier, Julian De Ajuraguerra (che hanno posto le basi della moderna terapia psicomotoria) e infine , apparentemente slegata dai precedenti Marianne Frostig, ideatrice di un metodo per bambini con ridardo di apprendimento a cui mi sono liberamente ispirato per i miei giochi propedeutici.

La scacchiera come palestra della mente!

Un pavimento a scacchiera in un'aula di Osilo (SS)
Un pavimento a scacchiera in un’aula di Osilo (SS)

Per la costruzione della scacchiera abbiamo pensato a varie alternative: la pavimentazione all’interno della scuola, la pittura con vernice nel cortile e infine l’applicazione di carta adesiva all’interno della scuola. Per le scuole materne invece l’ideale sarebbero quei tappetini (che purtroppo costano uno sproposito) tipo tatami delle palestre. In alternativa ci inventeremo dei materiali antiscivolo o in tessuto, o in materiale plastico o in cartone.  In tutti i casi le dimensioni possono variare dai 50 cm di lato a casella al massimo di un metro, a seconda dello spazio a disposizione.

Come la dama internazionale
La prima novità riguarda il numero delle caselle della scacchiera che saranno 100 (10×10) piùttosto che 64, perchè in una linea di continuità coi contenuti scolastici, si utilizzeranno i giochi di movimento per dare “silenziosamente” i primi rudimenti logico-matematici che i bambini ritroveranno alle scuole primarie.

I primi giochi di movimento saranno quelli che tutti noi giocavamo per strada solo 20 anni fa: il paradiso (o campana); il trenino; i giochi dell’oca o di movimento coordinato (1, 2 , 3 stella…) ecc. Premetto che per i bambini delle materne non si farà mai menzione al gioco degli scacchi! I giochi proposti sono propedeutici ma i bambini non giocheranno a scacchi: semplicemente saranno essi stessi le figure degli scacchi.

Qualche esempio pratico: l’Alfiere, la Torre, la Donna.
Faccio un esempio: si chiama un bambino e lo si fa mettere a cavallo di due case (esempio d1 ed e1). Si chiede alternativamente al bambino di alzare il piede che è posto su un colore : può essere l’occasione per insegnare la differenza tra destra e sinistra magari facendogli togliere una sola scarpa (cinestetico), oppure per associare il senso del ritmo (battito di mani); quando il bambino è sicuro di sè gli si chiede di restare in equilibrio su un solo piede e poi di saltellare su una casa dello stesso colore; poichè difficilmente egli azzarderà un salto di un’intera casella il suo movimento sarà in diagonale e quindi si muoverà come un Alfiere senza che noi gli abbiamo neppure spiegato cosa sia una diagonale!

Per fargli “agire” il movimento della Torre si può fare come segue: si dispongono dieci bambini su una colonna (poniamo la B); quindi si prende una palla o una ruota e si chiede ai bambini di portarla avanti lungo la colonna A (come variante si può chiedere ai bambini di carponare sino alla fine della scacchiera lungo la colonna A), anche in questo caso apprenderanno senza saperlo il movimento voluto.Per la Donna ho pensato invece a delle corde tenute da altri bambini al di fuori della scacchiera: 4 sulle diagonali e 4 sulle ortogonali;

La scacchiera come mappa del tesoro!
Uno dei commenti più entusiastici delle maestre è stato quello che i miei giochi rivestivano tutti contenuti altamente formativi, rinforzando concetti che i bambini ritrovano in geografia (i percorsi di orientamento), in aritmetica (le corrispondenze biunivoche mano -casella o piede-casella); in geometria e persino in Italiano dato che devono inventarsi delle storie.

Grazie all’utilizzo del metodo ideografico che prevede l’uso di numerose figure come fuochi, muri, dischi solari, impronte, carote, ecc., i bambini inventano prima delle semplici frasi e poi intere storie.
Inoltre con il solito instancabile amico e collega Michele Devilla abbiamo stampato dei quaderni con delle griglie nei quali i bambini fanno dei semplici esercizi di tratteggio tra le varie figure proposte (pensate ad un viso stilizzato ed un fuoco: si domanda “dove deve passare il bambino per non bruciarsi?”) ma in realtà fanno esercizi  – sempre inconsapevolmente – di pregrafismi!

Infatti in una griglia è possibile fare qualsiasi lettera e numero e spesso proponiamo loro delle passeggiate sulla scacchiera secondo un disegno a noi familiare…

 

Schemi facilmente proponibili in una griglia

Schemi facilmente proponibili in una griglia

Inoltre altri classici giochi sono le battaglie navali, il ruba-bandiera  e le cacce al tesoro, grazie ai quali i bambini prendono subito confidenza con il sistema delle coordinate, che seguendo il suggerimento di Alessandro Pompa per i più piccoli possono essere proposte con figure al posto delle lettere e con colori (quelli dei regoli matematici come insegna Carmelita Di Mauro!) 

La scacchiera ideorafica in azione
Una scacchiera ideografica

 

Il metodo ideografico si struttura.
Insomma queste sono solo alcune delle idee messe in cantiere, ma ne parleremo ancora prossimamente, perchè ho proposto al CONI provinciale di Sassari di coinvolgere i professionisti dell’attività motoria, i diplomati ISEF, cui farò un corso per implementare i presupposti teorici e per concordare gli schemi corporei che possano avere una valenza sia diagnostica (in alcuni casi è possibile individuare qualche problema di lateralità che potrebbe portare a dislessia, disgrafia o discalculia), sia pre-sportiva che pre-scolastica.

La psicomotricità e l’insegnamento degli scacchi

Movimento sulla scacchiera

 “Non abbiamo fatto niente, abbiamo solo giocato.”

 

 

Fino a qualche anno fa usavo la scacchiera gigante come mezzo aggiuntivo per fare sentire, nel movimento, ai ragazzi come si muovono i pezzi. Un paio d’anni fa sono relatore ad un corso di formazione ad Arona e sento parlare per la prima volta di “psicomotricità”. Non colgo più di tanto, e dalla relazione mi pare di capire che più o meno è quello che già sto facendo, dunque non rifletto seriamente sul concetto.

Adesso però la situazione è cambiata, perché da quest’anno insegno scacchi nella scuola di mia figlia, a Merano. Però mia figlia è in prima e il mio corso parte dalla seconda. Perciò ho parlato con la maestra principale di mia figlia e le ho mostrato il programma di Paola Russo sulla psicomotricità sulla scacchiera. L’insegnante è rimasta favorevolmente impressionata e mi ha chiesto di svolgere anche questo progetto. Non è lei la titolare del corso di ginnastica, perciò mi ha fatto parlare con l’insegnante incaricata, che credo sia alla sua prima esperienza e di psicomotricità sa poco o nulla.

Neanch’io so alcunché di psicomotricità, perciò, siccome non mi sembra il caso di fare un corso solamente sulla base di un programma, anche se fatto da un esperto, sono andato in biblioteca e mi sono procurato qualche libro sull’argomento.
Ho così fatto letture molto interessanti, scoprendo che alla base della psicomotricità c’è la visione, della psicologia umanistica.

Che cosa ho capito della psicomotricità
L’esperienza dei movimenti, in generale, dà al bambino l’esperienza di agire sensatamente senza scopi predefiniti e senza considerare risultati o scopi risultanti dall’azione.

I movimenti e il gioco sono attività che vengono eseguite per se stesse e hanno in se stesse la ricompensa o gratificazione.

Le attività motorie, dal punto di vista della psicomotricità, sono sempre anche un intreccio di componenti emozionali, cognitivi e sociali.
Il movimento è l’espressione dello stato generale di benessere o salute del bambino e non può essere visto solamente dal punto di vista biomeccanico. Ad ogni movimento è presente la persona completa.
Il bambino ricerca con sempre maggiore insistenza (con l’età) l’autonomia. Questo voler essere autonomo è una componente principale nello sviluppo del bambino, il bambino è un soggetto creativo che partecipa attivamente al proprio sviluppo.

Le attività educative della società non hanno una unidirezionalità causale dove con mirati interventi si ottengono definiti risultati. Si tratta per la maggior parte di una interazione reciproca dove un soggetto principalmente sicuro di sé e attivo interpreta, valuta ed elabora tutte le azioni educative altrui ed è cosi anche in grado di aggirare o vanificare le varie azioni educative imposte.
(Göppel 1997)

Per la terapia psicomotoria questo significa che il bambino si sviluppa solamente tramite la propria attività (nel senso di attivo). Sono solamente quegli accorgimenti e suggerimenti, che corrispondono alle motivazioni e alle possibilità di azione del bambino, che portano a progressi nello sviluppo del bambino. Il bambino deve essere l’attore del proprio sviluppo. 

I principi della psicomotricità applicati all’insegnamento degli scacchi scolastici
Penso che i principi psico-pedagogici  che ho appena descritto siano applicabili anche all’insegnamento e allapratica degli scacchi nella scuola elementare.
Io ho ricavato le seguenti prescrizioni:
– interferire nel gioco solamente su richiesta;
– proporre cose nuove solamente quando sono relativamente sicuro che la maggioranza sia pronta e richiede anche qualcosa di nuovo.

Questo comporta anche che ai ragazzi più svelti, che frequentano un circolo o vogliano partecipare a tornei e richiedano qualche cosa più impegnativa, dovrò proporre a scuola delle cose più impegnative.

Alla classe, invece, visto che lo scopo è giocare insieme e nulla più, proporrò un programma basato prevalentemente sull’attività del giocare, senza pretese di rendimento o altro.
Per i più bravi e appassionati curerò un programma più agonistico, ma  fatto a parte. Se l’istruttore è un insegnante non particolarmente esperto di scacchi, questa parte spetta al circolo e in classe si gioca soltanto.

Sono giunto a queste conclusioni – provvisorie! – dopo 30 ore di corso e tenendo conto del livello di gioco dei ragazzi in questo momento, che è fermo all’attacco, cattura, ritirarsi o non ritirarsi (faccio riferimento ai livelli illustrati nel mio Manuale per l’insegnante di scacchi, Ediscere edizioni). I bambini di Brunico non sono ancora arrivati al livello in cui si tendono trappole elementari.

Psicomotricità e sviluppo del bambino
Nella psicomotricità il bambino è inteso come un “soggetto che agisce”, che è capace di assumersi delle responsabilità e di conseguenza anche di prendere delle decisioni in riguardo a se stesso.
Di conseguenza le azioni decise da sé e sotto la propria responsabilità non sono solo il traguardo alla fine di un azione dei ragazzi coronata dal successo, ma diventano anche il metodo dell’azione.
Rimane la domanda per il pedagogo su come poter aiutare il ragazzo a gestire meglio i problemi presenti, ovviamente rimanendo sempre nell’ambito delle possibilità del ragazzo, come ampliare le sue competenze attive (nel senso che; il bambino partecipa attivamente al suo sviluppo, che influisce direttamente sul modo e come raggiungere una competenza. )  e  arrivare ad usarle correttamente. Al posto della terapia si rende il bambino capace di agire il più autonomamente possibile a tutti i livelli, siano essi motori, sociali, emotivi o cognitivi.
La psicomotricità può essere intesa come un’unità, composta dal corpo con movimento e processi psichici e intellettuali. Lo sviluppo del bambino è perciò sempre psicomotorio.

La psicomotricità si avvale di attrezzi specifici, nati inizialmente per aiutare bambini con deficienze nel movimento e nello sviluppo  e poi utilizzati anche nella semplice ginnastica psicomotoria e nell’attività sportiva. 
Gli strumenti o materiali usati non bastano a fare psicomotricità, anche se arricchiscono l’esperienza di movimento per i bambini. È molto più importante del loro uso il metodo proposto ai bambini, come essi scoprono il movimento e come gestiscono questi movimenti, lo scopo che il ragazzo dà alle varie occasioni proposte e come si sentono quando interagiscono con i materiali.

Scacchi: guardo al modo in cui i bambini svolgono gli esercizi
Per gli scacchi scolastici lo traduco in osservare attentamente come svolgono gli esercizi (si scopre anche il grado di interesse e dove stanno le difficoltà) e come giocano per potermi regolare di conseguenza.
Più facile a dirsi che a farsi.
Faccio un esempio: una ragazza, sfruttando le sue conoscenze e la sua attenzione superiori all’avversaria, muove spesso i pezzi senza rispettare le regole di movimento. Quando hanno finito la partita le chiedo di giocare con me e alla prima occasione le mangio un pedone in modo irregolare. Mi guarda di sottocchi ma non dice niente, qualche mossa dopo le prendo un pezzo ancora in modo irregolare. Sta incominciando ad arrabbiarsi mi guarda più incattivita ma io faccio il tonto e ancora non dice niente. Dopo altre due mosse irregolari dove ancora non si lamenta le catturo la Donna, sempre con mossa irregolare. Questo è davvero troppo – guai a toccarle il pezzo più forte! – e la bambina protesta. Le chiedo se le è piaciuta la partita; vi la lascio immaginare la risposta. Io approfitto e le spiego che le regole servono anche per evitare soprusi del genere da parte di giocatori più esperti; le spiego che può sempre chiedere il rispetto delle regole del gioco ma che deve anche attenersi alle regole. Questa volta ha funzionato. (il suggerimento deriva dal libro “Teaching Life Skills Through Chess” di Fernando Moreno. Anche se il libro mi sembra scritto per medie e superiori qualche suggerimento utile si può trovare anche per i più piccoli)

Scopro inoltre che la psicomotoricità (in Germania) è collegata al nome di E.J. Kiphard che di solito viene considerato il padre della psicomotricità.  Le radici si possono trovare nel 1955 quando Kiphard incontra lo studente dello sport e psicologo per bambini Hünnekens. In una clinica psichiatrica per bambini scoprono le possibilità di cura psicologiche nel movimento. Inoltre hanno constatato che la maggior parte dei ragazzi era sovraccaricata (effetto contrario) dagli esercizi sportivi tradizionali basati sull’agonismo e crearono cosi il principio della psicomotorica: “gioco libero e impercepibilmente diretto. Al posto del tradizionale agonismo un gioioso giocare insieme”.

Al posto di un orientamento verso il rendimento e il prodotto, che spesso non sfiorano nemmeno le esigenze dei ragazzi, invece di un orientamento al difetto che vede solamente errori, disturbi e deficit, mettiamo un orientamento verso l’esperienza (vivere, sperimentare) e la personalità, dove i  bambini giocano liberi senza imposizioni, dove si esprimono agendo e dove possono svilupparsi (crescere)
(Kiphard 1989)

Questo è esattamente il mio pensiero quando insegno nelle scuole elementari gli scacchi scolastici. Fa sempre piacere una conferma sulle proprie idee da altri autori più esperti di se stessi :).

D’ora in avanti farò “scacchi scolastici psicomotori” !!
A parte gli scherzi non credo che muovere i pezzi sia un movimento in senso psicomotorio, ci vuole tutto il corpo che si muove per questo, ma continuerò sicuramente a porre la maggior attenzione a come i bambini si relazionano con la scacchiera, con i pezzi e il gioco, piuttosto che sul rendimento. Gioco che manterrò il più possibile sull'”impercepibilmente diretti” :-). Credo che se la maggioranza della classe arriva ad apprezzare il gioco, lo farà se riesco a centrare le esigenze specifiche di ogni ragazzo/a. A quel punto le qualità e piacevolezze del gioco e l’effetto traino del gruppo saranno stimolo sufficiente anche per i meno motivati. E gli scacchi potrebbero raggiungere tutti i bambini e bambine della classe. Questo per me è fare “scacchi scolastici” un po’ psico, un po’ motorii e un po’ sociali. 🙂

Psicomotricità sulla scacchiera, i giochi proposti da Paola Russo.

Riportiamo alcuni dei giochi ideati da Paola Russo così come li ha descritti l’autrice nella presentazione dei suoi corsi psicomotori di primo livello sulla scacchiera. Si tratta di giochi destinati a bambini della prima o seconda elementare.
Sulla psicomotricità sulla scacchiera questo blog ha pubblicato una intervista a Paola Russo, e successivamente il suo programma di attività psicomotorie.

Caccia ai punti
lo schema di giocoIo metto vari foglietti, con un numero, sparsi per la scacchiera lasciando libere delle caselle.
Formiamo 4 o 5 squadre.
Chiamo un componente per squadra e gli chiedo di posizionarsi su una casa vuota, poi a turno i compagni devono far arrivare con 2 o 3 spostamenti il loro giocatore ad un foglietto.
Alla squadra è assegnato un numero di “tappi punto” pari a quello riportato sul foglio recuperato.
Chi sbaglia spostamento non può proseguire.

Varianti:
1) i fogli hanno il numero in evidenza e si può passare su una casella con foglio;
2) i fogli hanno il numero nascosto e si può passare su una casella con foglio;
3) I fogli hanno il numero in evidenza e NON si può passare su una casella con foglio.

Il cieco
Un bambino guida un compagno, che tiene gli occhi chiusi, dicendogli sempre il colore della caselle che calpesta; lo posiziona su una casella e poi gli chiede il colore della casella che sta:
– davanti;
– dietro;
– di fianco.
Dopo si invertono i ruoli.
Variante più difficile:
viene chiesto il colore di caselle più lontane da quella in cui si trova il “cieco”. Ad esempio, di che colore è la casella che sta due passi (spostamenti) indietro?

La sfida alla Morra cinese
Si formano delle squadre da 8 – 10 componenti.
Sulla prima traversa salgono solo metà giocatori per squadra.
Ogni componente dovrà avanzare finché non si troverà un avversario davanti; in quel caso i due giocatori si sfidano alla morra cinese: chi vince prosegue ed attraversa, chi perde esce.
Vince la squadra con più componenti che sono riusciti ad attraversare tutta la scacchiera.

La cattura
Un bambino sale e si posiziona sulla scacchiera.
Dopo di lui poi salgono gli altri e non devono mettersi sulla sua strada di cattura.

Variante più difficile:
prima salgono i bambini e poi il catturatore, che cerca di posizionarsi in modalità di cattura;
diamo ora la possibilità a chi è in presa di spostarsi se se ne accorge.

Altra variante:
prima salgono i bambini e poi il catturatore, che cerca di posizionarsi in modo da catturarne il più possibile.
I bambini non possono più spostarsi, per cui verranno catturati (devono accettare l’insuccesso).

Trova la casella e vinci il premio …se c’è
Mettere sulla scacchiera più attrezzi piccoli della palestra (funi, mattoni, palle, coni, ecc.) senza occupare tutte le caselle.
I bambini sono suddivisi in squadre.
Partendo dalla “base” (cerchio) della propria squadra, il primo va dall’insegnante ed estrae da un sacchetto un tappo con le coordinate, poi sale sulla scacchiera a cercare la sua casella. Se trova un attrezzo lo porta nella base della sua squadra. Vince la squadra che ha trovato più oggertti, o, per meglio dire, la squadra più fortunata.

Il trenino (gioco sul movimento in diagonale)
Formare trenini da 6–7–8 bambini.
Il primo è il macchinista e ogni treno ha la sua stazione (cerchio).
Al via i treni si muovono ed alla richiesta “attraversare“ dell’insegnante (una battuta di tamburello) i treni attraversano la scacchiera seguendo una diagonale, poi tornano in stazione e l’ultimo vagone diventa macchinista.
Variante:
2 battute=partenza; 
1 battuta=salire e girare la scacchiera sulle diagonali;
tanti colpetti sul bordo del tamburello = tornare in stazione.