• scacchi012

    Riflessioni, appunti e spunti sul gioco degli scacchi, sul loro insegnamento a bambini e ragazzi, soprattutto nelle scuole.
    Il blog è aperto ai contributi dei ragazzi e dei loro genitori e agli interventi di altri istruttori e insegnanti.

    Per domande, interventi o collaborazioni ci potete contattare ai seguenti indirizzi di posta elettronica:


    Stefano Tescaro stefano.tescaro@gmail.com
    Alex Wild: sasschach@gmx.net
    Sebastiano Paulesu: sebpaul@tiscali.it

    Creative Commons License

    Questo blog è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.

    scacchi012

  • Istruttori

    Sito degli istruttori di Federscacchi

    Il Forum degli istruttori del sito/blog Scacchierando

    Gli istruttori premiati dalla FSI per il 2010:

    FOTO: Gli istruttori dell'anno 2010: Roberta De Nisi, Olga Zimina, Eugenia Di Primio, Andrea Rebeggiani, Sebastiano Paulesu, Giuseppe Rinaldi

    Ne abbiamo scritto in un articolo su scacchi012.

    I premiati degli anni scorsi:
    - 2008
    - 2009
    .

  • Il nuovo libro di Alex!

    Per gentile concessione dell'editore (ediscere), pubblichiamo un estratto dell'ultimo libro di Alexander Wild per la serie Giocare a scacchi, I matti. Per scaricarlo, clicca qui.

    Wild, i matti

  • I racconti di Kob

    apici sinistraIl silenzio all'inizio del primo turno. Di un torneo così. Le prime mosse, quando tutto è ancora possibile. Quando ancora tutti i sogni hanno diritto di cittadinanza. Quei primi minuti. In cui non si alza nessuno. In cui davvero tutti, tutta una sala, centinaia di persone, condividono gli stessi sentimenti.apici destra

    Mauro Kob Cereda, Foto

    Link ai racconti di Kob.

Psychomotricity on giant-sized Chessboard at a Kindergarten

Written by
Maria Beatrice Rapaccini e Mauro Gaspari

The psychomotor activity here described, performed on a giant chess board, was developed at a kindergarten, which is part of the IC “Marco Polo” School Institute of Fabriano (AN), in the Marche Region, Italy, and it is a collaboration with Mauro Gaspari,chess lover, and the teacher Luana. This project is the result of inspiration drawn from various sources: the works of A. Pompa, S. Paulesu, C. di Mauro, the A.Wild’s inspiration, and of an adaptation of the PSG protocol (Psychomotor Activity on a giant Chessboard) by Prof. Trinchero from the University of Turin.

The aim of this workshop is neither learning how to play chess, nor the acquisition of the competition attitude which is necessary to win games or to set up challenges. At this stage we do not intend to associate the world of chess with the desire for competition; on the contrary, we would like the children to approach that world with the same curiosity they have when listening to a fairy tale, trying to enter it gradually, until they become part of it. At the end of the school year they become capable of interpreting this world through a theatre performance.

In the magical world of chess children stroll up and down a giant-sized chessboard, they meet characters (the pieces of the game), they learn to move like them, dressed up to look similar to them, forming orderly arrangements, and singing songs and rhymes along with them (at least one for each type of move the characters are able to make).

The children thus make experience of the sense of geometrical space and of the options for movement that this offers, also in relation with the presence of other children; then they experience the sense of time, the rhythm marking the actions, but also the slow pace of the pawn or the speedy passing-by of the bishop, and, lastly, the sense of energy emerging from collaboration: characters who help one another, such as the two rooks, acting together, or like the many pawns lined up in array, ready to march forward supporting one another.

Scheme of the activities

Each lesson starts with the construction for the chessboard and it ends with its dismantling in the rhythm of the relevant opening and closing songs.

The arrangement of the chess pieces takes always place while a fairy tale is being told, a tale that contains the characteristics of the piece in question, of the game of chess, and the moral qualities of a good chess player. The moves of the pieces are shown while rhymes (which have been written and put to music for this purpose) are being sung.

The fairy tales all belong to the folk tradition, drawn from the Brothers Grimm collection, except for the one for the knight, which is a tale from the Arab cultural tradition.

Most of the activities are based on a spirit of cooperation and collaboration, therefore the individual child’s satisfaction arises from well accomplished work, and in the case of the individual or group exercises, from the congratulations he/she receives from his/her class mates. We have never spoken of checkmate and the pieces are never captured, let alone ‘eaten’.

The scheme of a sample lessonis as follows:

  • “Opening” sung rhyme while building up the chessboard
  • Animated narration of a fairy tale
  • Sung rhyme relevant to the piece and presentation of its movement
  • Individual and group exercises
  • “Closing” sung rhyme and dismantling of the chessboard

Construction and “Destruction” of the Chessboard

One of the preliminary and most important activities of our project is the building up and the “dismantling” of the chessboard.

For building it up the chessboard 64 squares are needed measuring  25×25 cm, with one side white and one side dark (double sided), which have to be arranged in a square perimeter, marked by four large black bands made of plastic material. The whole of the chessboard is used for the exercises, including the side strips.

The chessboard that we make is not actually giant-sized, as its dimensions represent a compromise with the space available in our kindergarten, which does not have a gymnasium.

It is believed that this activity if very important both for the cognitive development of the child, and also for the social abilities involved. The children, working together, will have to find a strategy to build up the whole of the chessboard in a proper and orderly arrangement.
At the beginning they are left free to find a solution, then they are invited to argument the suggested solutions, and finally to implement them. The solution may be relevant to localised problems (for example a square has been placed incorrectly) or generalised problems (for example what is the best way to start building up the chessboard). In the process, it has been observed how roles are taken up autonomously: those distributing the squares, those who place the squares down, those observing and those adjusting.

The building up of the chessboard with its relevant “opening” song, prepares the children for the right concentration which is needed later on, during the narration of the fairy-tale and the performance of the exercises. To come to a close, at every lesson a “closing” rhyme is sung, complementary to the opening one, which is necessary to accompany the “dismantling” phase.

The Transformations of the Chessboard

Everything acquires value thanks to its opposite and it lives with it; darkness is illuminated by light and light is darkened by darkness in the movement of opposites: an active and a passive movement, one offensive and one defensive. Black and White may be transformed into one another. Exploiting the reversibility of the squares of our chessboard, the children are faced with simple transformation activities of it.

The chessboard, therefore, may be transformed from 8 by 8 squares in one which is 4 by 4, which is easier for the children to handle, and where calculation exercises are possible. Subsequently, in a simpler 2 by 2 one, to achieve a black board (all black) or a white board (all white). Then there are surprising exercises for the children, those relevant to the creation of some check schemes, as they were playing with large pieces of a mosaic, doing special tasselation. Some examples:

The exercises

The activities performed during the lessons are mainly drawn from the italian book “Gli scacchi e i bambini: appunti per una teoria della mente” (Chess and the children: notes for a mind theory”  by A. Pompa et al., and from some posts on Psychomotricity appeared on Stefano Tescaro’s web site Scacchi012.

The chessboard related activities, some of which are explained in the above mentioned posts, concern two types of exercises: walks, whereby the child moves in order to carry out exercises; and transformations, whereby the squares are moved.

The walks

These are both individual and group exercises. There are exercises aimed at exploring space; exercises of alternation in the rhythm, in the colour and in the type of movement; exercises of orderly and disorderly arrangement; laterality exercises; exercises for the formation of configurations while moving; identification and positioning of the coordinates of a house. Group exercises: games with letters, colourful skittles, syllable jig-saws, purposely made cards.

The transformations

Use of a double-sided chessboard enabling both sides to be uses: histograms and games with numbers; construction of special “chessboards”; tesselation exercises and walking within “walls” created by the various arrangements created (internal, external, in and out; and, in the whirl movement, converging and diverging).

Complementary activities

The workshop takes place once a week and it lasts approximately one hour. During the week the teachers start complementary activities including drawing, sculpting, painting, piece constructions, dress-up costume preparation, performing reinforcement exercises, intertwining, and so forth.
The prompts for activities to implement after every lesson are varied and they may be explored in depth. In particular drawing is an aspect which is worth studying in detail, bringing it into relation with the child’s school readiness.
During this school year we have started the accomplishment of a simple practical workbook for kindergarten.

Future developments

An aspect of this workshop that we care very much about is the affective and emotional aspect involved in this experience. Furthermore, it has been observed that the game and the pieces acquire a more empathic value for children. After three years the children still remember with enthusiasm the rhymes, the movements and the games suggested.

The game of chess, therefore, offers a very wide interdisciplinary curriculum approach, and it is not limited to the mere development of logical and mathematics abilities; it helps towards stress and emotion control, towards effective decision making, even though in Italy, unfortunately, this game is not so widespread in schools.

An encouraging piece of news comes from the European Union. The European Parliament have stated, thanks also to the intervention of Garry Kasparov, that chess is not only a game, but a true sport, in that it helps children’s development, and they have provided indications for the future to ensure allocation of more funds to implement chess workshops in schools.

The European Parliament declaration dated 15th March 2012 invites the Commission to:

– encourage the introduction of the programme “Chess in Schools” in the educational system of the Member States;

-in its forthcoming communication on sport, to pay the necessary attention to the program ‘Chess in School’ and to ensure sufficient funding for it from 2012 onwards;

– dtake into consideration the results of any studies on the effects of this programme on children’s development;

The advantages of chess in schools are now well known. Last May a Conference was held in Turin on “Chess and mathematics : learning by playing”, which was a continuation of the conference held in 2009 “Chess: a game to grow up with”, where it is shown how the advantages involve the various disciplines, as well as the aspects relevant to socialization and ethics.

Our speech on the Conference in Turin:

Resources concerning the advantages of chess may be found in the World Chess Federation (FIDE) website.

For further information concerning the exercises, the rhymes or the project in general please write to the following email address: kinderchess(at)yahoo.it

C’era una volta un Re…a San Michele (9) Il Bizzarro Cavallo

Questo articolo è stato scritto da
Maria Beatrice Rapaccini e Mauro Gaspari

Lezione 9 : Il Bizzarro Cavallo

La vita, istruzione per l’uso di G. Perec Percorso del cavallo scacchiera 10×10

La lezione sul Cavallo appagherà molto i bambini, così come è stata tanto apprezzata, dalle bambine, quella sulla Regina.  Il Cavallo è un pezzo il cui movimento è molto particolare, alterna ad ogni mossa il bianco con il nero e per un bambino prevedere la successiva posizione non è poi cosi’ banale.

Nell’immaginario di molti, il cavallo degli scacchi è l’emblema della mutevolezza improvvisa, il compagno di viaggio verso direzioni nuove e inesplorate, affascinanti e irrinunciabili. I giocatori di scacchi di tutte le epoche subiscono il fascino delle manovre combinate dei pezzi e con essi intraprendono un viaggio che è quasi un’avventura; spesso vivono la solidità della Torre o l’introversia dell’Alfiere; ma ancora di più cercano e sperimentano il voler essere Cavalli bizzarri, quasi illogici, per spezzare la regolarità in cui rischiano di fossilizzarsi. Ai bambini verrà presentato un personaggio con uno spirito estremamente vitale, più scalmanato di loro.

Iniziamo la lezione costruendo la scacchiera accompagnati dalla ormai nota Filastrocca di Apertura al “Mondo degli Scacchi”; come nel precedente incontro e’ stato designato il capocantiere pero’ qualcuno si mette seduto vicino a lui e a Mauro, il Mago del Mondo degli Scacchi, ad osservare e commentare il lavoro svolto dagli altri. Per costruire la scacchiera impiegano circa due minuti con grande concentrazione e partecipazione di tutti; si percepisce che iniziano a sentire e a vivere la scacchiera come spazio proprio.

Il modo con il quale i bambini costruiscono la scacchiera ne svela il temperamento: alcuni mostrano grande cura e pacatezza mostrando attenzione a non lasciare spazi tra le case, altri depongono le case velocemente e alla rinfusa, altri, invece, con sicurezza e decisione, infine alcuni rimangano a guardare.

Il cavallo del Re

“Oggi viene a trovarci il Cavallo del Re!”  – esclama MMS. I bambini rispondono entusiasti, in particolare i maschi, che cominciano ad imitarlo saltellando dappertutto. Siamo in un asilo della campagna marchigiana e in famiglia qualcuno lo possiede pure un cavallo. Non hanno, pero’, capito che ogni volta arriva un nuovo personaggio, e aspettano sempre l’arrivo del Re; egli occupa ogni spazio nel loro cuore.

Il MMS esce a chiamare il cavallo che sembra trovarsi di fuori e fa credere ai bambini che sia enorme, poi entra e invece e’ piccolo piccolo: un cavallino di lana impaurito e un po’ timido, pronto a catturare l’affetto dei bimbi e desideroso di raccontare la sua storia piena di peripezie, sono tutti molto emozionati.

Mauro chiede ai bambini di indovinare il nome del cavallo e tutti propongono nomi improbabili. Il Mago del Mondo degli Scacchi, usandolo come una marionetta, intavola un siparietto con lui, svelando cosi’ il suo nome : Luce.

La storia di Luce (storia araba)

La storia, una fiaba araba piena di simbolismi, è presa dal libro “Storie di cavalli” di N. Vézinet e R. Causse; riguarda una coppia di genitori, ormai in età avanzata, che desiderano tanto avere un figlio. La donna andando al mercato incontra una vecchia che le offre un’arancia(e qui Mauro mostra una bell’arancia) predicendole l’arrivo del tanto desiderato figlio, pero’  se sarà femmina, sarà di sua proprietà al compiere di 6 anni. Nasce proprio una bellissima bambina.,Aida, che verrà sottratta dalla strega come era stato predetto e portata in un palazzo in mezzo al deserto, lontano da qualsiasi contatto umano. Dopo qualche tempo la ragazza (ormai cresciuta) si accorge di non essere sola in quel luogo desolato e scopre che in una delle innumerevoli stanze è rinchiuso un principe con il suo cavallo, che si chiama Luce; purtroppo stanno morendo d’inedia, così di nascosto dalla strega gli porta del cibo fino a che non siano abbastanza forti da poter sopportare la fuga. Ad un certo punto riescono a fuggire in groppa a Luce, che si rivela davvero speciale. La strega li insegue e per tre volte Luce riesce a sconfiggerla ergendo delle barriere,dei fronti, che nascono allo scalpitio degli zoccoli: la prima volta una siepe spinosa, la seconda una catena altissima di montagne e infine una grande onda che sotterra definitamente la strega. Ogni volta che Luce sconfigge la strega riparte al galoppo (i bambini tutte le volte imitano il rumore dei zoccoli con la voce e battono ritmicamente i piedi  tutti insieme).

Finalmente i ragazzi si salvano raggiungendo la casa paterna e si sposano vivendo per sempre felici e contenti insieme a Luce, ora il cavallo del Re.

Filastrocca del Cavallo

Quando si chiede ai bambini di prepararsi a cantare un nuovo ritornello, partecipano sempre contenti, un po’ per fare felice il personaggio che è venuto a trovarli, un po’ perché vogliono prendere parte della musica e della poesia ritmata, senza rendersi conto di essere essi stessi a generarle. Tutto questo entusiasmo e energia verranno trasformati in attività vocale e motoria. Il Mago MMS “Mauro” introduce la filastrocca creata per il cavallo e dopo averne mostrato il suo movimento fuori dalla scacchiera, chiede a tutti i bambini di imitarlo al ritmo della nuova canzoncina: tanti piccoli cavalli dritti sulle zampe posteriori sono pronti a fare due salti, a girarsi da una parte e a completare la mossa con un terzo salto.

Opplì Opplì Opplà
L’allegro cavallo si muoverà
Opplì Opplì Opplà
Salta due case e svolta di la’

Il Re e la Regina hanno i loro cavalli
Con cui attraversano monti e valli
Volano al vento le belle criniere
Su case bianche e su case nere.

(Ritornello)

Nessun ostacolo potrà fermarlo
Se vuoi che scappi, prova a domarlo
Quando alla fine stanco sarai
Che bella sorpresa, accanto lo avrai.

(Ritornello)

Le passeggiate dei Cavalli

Sale sulla scacchiera, nella posizione A2, la maestra Sbagliona che mostra la mossa del cavallo, ovviamente sbagliando, mentre i bambini non vedevano l’ora di correggerla.

Ora salgono quattro bambini alla volta ed effettuano, al ritmo della canzoncina, il movimento ocorretto  due salti nella stessa direzione e poi un salto girandosi a destra o a sinistra; arrivano alle case centrali scalpitando con le mani/zampe e poi ritornano al punto di partenza (con alcuni si tentano delle coreografie).

Le parole della filastrocca aiutano molto e fanno sembrare il movimento abbastanza semplice, ma coordinare la sequenza di piccoli salti non è affatto facile. Sono tentato a rallentare la musica per regalare pause utili, ma forse l’esecuzione veloce obbliga a fare movimenti meno ragionati e comunque quasi sempre corretti.

Il MMS  “Mauro” invita a salire anche i bimbi di quattro anni che hanno qualche difficoltà con questo strano movimento, e, condotti dal mago li facciamo incontrare sui bordi, effettuando un percorso diverso dai grandi.

Quando tutti i bambini hanno completato l’esperienza, vengono fatti salire tutti sulla scacchiera e eseguendo il movimento del cavallo si accorgono subito che è possibile scegliere contemporaneamente la stessa casa di altri bambini, così si finisce tutto con un bell’abbraccio che viene sciolto da un saltellamento convulso sia da cavallo che da ranocchio.

Un tenero abbraccio

Il percorso del cavallo è tra i piu’ affascinanti e largamente studiati in matematica e permette di operare con con svariate geometrie.

Quadrati e Diamanti

Vari usi delle fasce laterali

Alla fine smantellano come cavalli impazziti la scacchiera, mentre le fasce laterali diventano la stola di un cardinale o le briglie di un cavallo. Dello smantellamento amano molto il ripiegare con cura il tessuto che viene messo sotto la scacchiera per non farlo scivolare. La scacchiera come il maiale,si apprezza tutto!

♦♦♦

Le puntate:

1 : C’era una volta un Re…a San Michele
2 : Le trasformazioni
3 : Il Re si presenta
4 : L’incontro dei Re
5 : La Solida Torre
6 : Lo Spinoso Alfiere
7 : Profumo di Regina
8 : Lezioni di compostezza
9 : Il Bizzarro Cavallo
10 : L’umile pedone

Da Dresda un appello per gli scacchi nelle scuole

Deutsche SchachstiftungLa conferenza di Dresda sugli scacchi nelle scuole ha lanciato un appello alle scuole (e ai governi) del mondo affinché introducano gli scacchi come materia scolastica.
Ne riportiamo di seguito il testo, tradotto da quello inglese reperibile (insieme all’originale in tedesco e alle versioni in arabo, cinese, francese, Hindi, giapponese, coreano, portoghese, russo e spagnolo) sul sito della Fondazione tedesca per gli scacchi.

————

L’insegnamento metodico degli scacchi integrato nei programmi scolastici aiuta lo sviluppo intellettuale dei bambini: gli scacchi rendono più furbi i bambini.

I bambini che ricevono  istruzione sugli scacchi imparano:
– a focalizzare l’attenzione e a mantenere un alto grado di concentrazione;
– a visualizzare mentalmente posizioni e sequenze di mosse;
– ad allenare la memoria;
– a pensare in avanti, a pianificare in anticipo le loro attività;
– a riesaminare la situazione, una volta che le condizioni cambiano;
– a sviluppare la pazienza, la gentilezza e l’originalità;
– a valutare i risultati delle loro azioni;
– a sviluppare resistenza fisica e mentale, determinazione e capacità di relazione.
(per ulteriori approfondimenti rinviamo al documento Benefits of Chess)

Questi risultati aumentano anche il rendimento nelle altre materie scolastiche.

Sulla base di studi aggiornati, la Fondazione tedesca per gli scacchi ha redatto una raccomandazione per le scuole primarie e sta inviando un appello alle scuole in tutto il mondo.
Chiediamo:

I. Introduzione di lezioni di scacchi di 45 minuti per settimana (sistematiche) nel programma delle prime classi della scuola elementare.

II. Dalla seconda classe in avanti, la trasformazione di parte delle lezioni di matematica in lezioni di scacchi, portando l’ìinsegnamento degli scacchi a 90 minuti per settimana.

III. L’insegnamento sistematico degli scacchi dovrebbe durare da due a quattro anni scolastici, cominciando il prima possibile, vale a dire dalla prima elementare.
Il primo approccio giocoso con gli scacchi può avvenire nella scuola materna.

IV. Sviluppo graduale e successivo dell’insegnamento scolastico:
il primo passo per introdurre gli scacchi a scuola potrà essere gestito dagli attuali insegnanti, anche se sarà necessario un periodo iniziale di formazione specifica. Dato che la disponibilità personale è indispensabile, gli istruttori non dovranno essere scelti solo sulla base delle materie per le quali sono abilitati: il beneficio dell’istruzione scacchistica è elevato oppure scarso a seconda della personalità dell’insegnante.

Gli scacchi come materia scolastica. Una conferenza stampa a Dresda.

Il 17 novembre scorso, in coincidenza con l’inizio delle olimpiadi, la Fondazione tedesca per gli scacchi ha effettuato a Dresda una conferenza stampa sugli scacchi nella scuola primaria. Io sono stato invitato per parlare dell’esperienza di Brunico. Ecco le mie impressioni e riflessioni.

Il convegno di Dresda (foto tratta dal sito della Fondazione tedesca per gli scacchi)

I partecipanti alla conferenza. Da sinistra a destra: Alexander Wild, Cornelis van Wijgerden, Matthias Dräger, Detlef Koch, Ernst Bonsch, Marion Bonsch Kauke (foto tratta dal sito della Fondazione tedesca per gli scacchi)

La conferenza stampa è stata indetta per coordinare le organizzazioni di lingua tedesca che si occupano di scacchi nella scuola  per proporre ai ministeri dell’istruzione dei vari paesi l’inserimento degli scacchi nel curriculum/programma scolastico e per lanciare una petizione alle scuole nel mondo affinché inseriscano gli scacchi nella scuola.

Cornelis van WijgerdenA discutere dell’argomento sono stati chiamati, Matthias Dräger presidente della Fondazione Scacchistica Tedesca; Detlef Koch consigliere della Fondazione e istruttore nazionale; Cornelis (Cor) van Wijgerden, ex allenatore della Nazionale Olandese e autore della Stappenmethode; Dr. Ernst Bönsch, ex allenatore della Nazionale Tedesca, autore del programma per allenatori in Germania e organizzatore della scuola per istruttori di scacchi FIDE a Berlino;  la Dottoressa Marion Bönsch- Kauke, Docente di pedagogia e autrice di numerosi saggi e scritti sulla psicologia del gioco degli scacchi. Come detto sopra, c’ero anch’io, a raccontare le mie esperienze.

Nella conferenze stampa si è discusso sia sui programmi didattici che sui tempi ottimali dell’insegnamento scolastico.

Scacchi come gioco o come materia?
Devo dire che su alcune cose mi sono trovato non in sintonia con gli altri relatori.
Io sostengo che il gioco degli scacchi dev’essere “fine a se stesso” e insegnato (ed eventualmente imparato) dall’insegnante elementare CON i ragazzi.
Gli altri intervenuti erano invece focalizzati sulla qualità tecnica scacchistica delle lezioni, sulla forza di gioco che i bambini avrebbero potuto raggiungere. E quindi prevedevano un ruolo importante anche per l’esperto di scacchi. I miei colleghi a Dresda erano tutti a favore di forme di valutazione del rendimento scacchistico dei bambini, come in una qualsiasi altra materia.
Fra loro c’erano però differenze sul tempo di insegnamento. Ad esempio van Wijgerden ha sostenuto che un solo anno potesse bastare. Viceversa, l’appello di Dresda parla di 2-4 anni.
Tutti vedevano una evoluzione agonistica delle lezioni, con intervento di esperti istruttori.

Gli scacchi a scuola sono utili ai ragazzi
Ci sono però anche convinzioni comuni. Un punto in comune a tutti i partecipanti è la necessità che i ragazzi a scuola imparino a giocare a scacchi perché è utile per il loro sviluppo, scolastico e soprattutto umano.

Un altro pensiero che abbiamo in comune è che l’insegnante/istruttore e i ragazzi sono decisivi e hanno la maggior parte dell’influenza sul successo o meno dell’insegnamento scacchistico, mentre  i vari programmi usati sono secondari (al riguardo vedi quest’altro post).

Ernst BoschErnst Bönsch è convinto che bisogna iniziare al più presto i ragazzi agli scacchi e conferma che a tre anni già si può/deve iniziare. Matthias Dräger invece ribadisce l’importanza di avere gli scacchi come materia scolastica a partire dalla prima elementare. La stessa cosa la dice anche Cor van Wijgerden ma aggiunge che solo il primo anno gli insegnanti scolastici sarebbero in grado di proporre un programma didattico scacchistico ai ragazzi, mentre dopo questo periodo è richiesta una competenza scacchistica superiore che di norma gli insegnanti scolastici non hanno. In un breve intervento Razuvaev spiega che è in grado di istruire qualche bravo insegnante scacchisticamente, ma non le centinaia che sarebbero necessari se gli scacchi dovessero diventare materia scolastica.

Io dico che gli scacchi dovrebbero essere insegnati a partire dalla seconda elementare e non come materia ma semplicemente come attività fine a se stessa, ma mi sento un po’ fuori posto. D’altra parte sono a Dresda perché la valutazione dei progressi dei bambini di Brunico ha dato risultati molto positivi, non certo per le mie teorie poco ortodosse. Mentre spiegavo come avessimo insegnato gli scacchi e su quale programma vedevo soprattutto incredulità o incomprensione in molti ospiti.

Un istruttore tra il pubblico non è d’accordo con i tempi da me richiesti e si dice d’accordo con van Wijgerden che un anno di scacchi basta e avanza e nello stesso tempo dice che in alcuni suoi corsi c’erano tanti ragazzi senza motivazione (ci credo, visto come la pensa).
Rispondo facendo notare che dando loro più tempo, e quindi diluendo il programma in almeno 2 anni, i ragazzi imparano meglio, il gruppo resta più unito e gli scacchi restano importanti per la classe e non solo per uno sparuto gruppetto di bravi. (di questo parlerò più approfonditamente in un articolo a parte).

Metastudio sugli effetti degli scacchi sulla persona
Marion Bonsch-KaukeMarion Kauke Bönsch, autrice di un libro di 400 pagine che analizza i risultati sugli studi fatti negli ultimi 100 anni nel mondo sugli scacchi, sottolinea il ruolo degli scacchi nello sviluppo di capacità manageriali. Cita come esempio Miniscacchi, gioco inventato dagli allenatori amburghesi van de Velde, Lengwenus e Israel nel 1997 e alcuni suoi studi pubblicati in precedenza, oltre che libri di Bleis e Hoffmann (1980) e Goetz (2004).
Il libro della Kauke Bönsch tratta anche di come si possano sviluppare  competenze utili agli insegnanti tramite gli scacchi, basandosi sui lavori di tesi realizzati dai suoi studenti.
E non dimentica l’anedottica, quando racconta della città di Ströbeck, la cui scuola ha inserito gli scacchi come materia scolastica ancora nel 1823, e dove il partito degli scacchi ha la maggioranza in comune.
Kauke Bönsch analizza come dal modo di giocare delle persone si possano intuire i punti di forza e le debolezze (ad esempio tramite Miniscacchi) e di conseguenza elaborare piani per rinforzare i punti forti e smorzare o eliminare le debolezze (tesi di laurea in  psicologia e scienze sportive di Christian M. Warneke).
Importante il riferimento al progetto di Satka, cittadina nei paraggi di Mosca, dove si sta realizzando un importante e ampio programma di inserimento degli scacchi a scuola. Una o due volte la settimana due ore di scacchi in classe su base volontaria, ma la partecipazione al corso degli scacchi dipende anche dal miglioramento del rendimento scolastico. I risultati in termini di miglioramento delle prestazioni scolstiche sono stati maggiori delle aspettative.

Quanto tempo serve?
Una piccola conferma per me è stata l’affermazione, da parte di un responsabile giovanile della federazione tedesca presente fra il pubblico, che sempre più genitori preferiscono che i ragazzi imparino a giocare a scuola senza frequentare alcun circolo, spaventati dal troppo agonismo. Ci sono alcuni gruppi in varie città che insegnano a giocare a scacchi come gioco, senza agonsimo. Purtroppo non sono riuscito a trovarlo dopo il convegno per chiedere maggiori particolari.

Tutti i partecipanti alla conferenza sembrano convinti che i vantaggi che gli scacchi portano ai ragazzi si basino sull’esperienza che hanno nel gioco. Con esperienza intendo la pratica mirata del gioco: più ore ti cimenti con il gioco e la teoria, magari con un buon allenatore, meglio è per i risultati scolastici.
Quasi tutti gli studi citati nel libro di Marion sono studi che cercano risultati nei campi dove la logica e la strategia primeggiano. I risultati confermano che i GM (esperti) sono più efficaci degli amatori (M) e ancora di più dei principianti. Io penso che con tutto l’allenamento che fanno i GM, e in misura minore i maestri di scacchi, è abbastanza ovvio che primeggino nei test logico matematici. Ma il mio è un parere personale, non molto condiviso.

Il cervello degli esperti lavora meglio
Interessanti, infine,  gli studi che mostrano le aree del cervello che vengono attivate durante una partita di scacchi ad alto livello oppure a livello amatoriale. L’attività cerebrale è più ampia e diffusa nell’esperto mentre lo sforzo o meglio il dispendio di energia è maggiore nell’amatore (gli studi citati da Marion Bonsch-Kauke sono quelli del Dr. Roland H. Grabner, Prof. Anton Neubauer dell’Università Karl-Franzens-Graz, e Prof. Elsbeth Stern dell’Istituto Max-Plank Berlino. Per qualche indicazione in più si veda questo sito internet)

Tutto sommato sono tornato a casa con una bella esperienza in più, alcune nuove idee e concetti e nuovamente carico, motivato rispetto all’insegnamento.
Ho appreso nuove idee riguardo alla visualizzazione, che ho provato subito (vedi i due articoli rispettivamente sulle geometrie sulla scacchiera e sugli esercizi di visualizzazione)

Ma le competenze apprese con gli scacchi sono trasferibili?
Non sono riuscito a togliermi di dosso la sensazione di dubbio sul mio modo di vedere l’insegnamento degli scacchi nelle elementari visto che sembrano tutti convinti che il rendimento scacchistico sia decisivo.
Ma leggendo il libro di Marion trovo un trafiletto interessante si tratta di uno studio effettuato da Ericsson e Charness 1994 che si pongono la domanda se l’aumento della forza di gioco favorisca lo sviluppo della personalità e la socializzazione o se rimane confinata solamente nel gioco.
Possono le competenze e capacità sviluppate negli scacchi essere trasferiti nelle situazioni di vita quotidiana?
Gli scacchi sono cultura per tutti?
Ericsson e Charness rispondono che un trasferimento diventa più improbabile quanto più un soggetto sale nel livello di competenza scacchistica, perché la specializzazione occupa gran parte dell’energia e del tempo. Viceversa, un amatore non ha bisogno di diventare GM e non deve mantenere ad altissimi livelli la sua competenza scacchistica, perciò può sfruttare e trasferire nella vita quotidiana e anche nel suo mestiere i modelli appresi dagli scacchi.
Il mio punto di vista ha ricevuto una piccola conferma che fa sempre bene.

Prima di partire Marion mi ha svelato di essere d’accordo sulla maggior parte delle cose che ho detto, ma non abbiamo fatto in tempo a discutere sulle cose in disaccordo! Sarà per la prossima volta visto che sono diventato un collaboratore della Fondazione, che fra le altre cose sta finanziando, senza che glielo avessi chiesto, il progetto di Brunico per la metà delle spese, visto che l’intendenza scolastica ha dimezzato i fondi.
Il Dr. Hilpold, della Fondazione, si è già reso disponibile a fare una breve valutazione sugli effetti del secondo anno.
Non era previsto un ulteriore esame e staremo a vedere cosa ne esce fuori:  un po’ di margine per migliorare ancora c’è.