• scacchi012

    Riflessioni, appunti e spunti sul gioco degli scacchi, sul loro insegnamento a bambini e ragazzi, soprattutto nelle scuole.
    Il blog è aperto ai contributi dei ragazzi e dei loro genitori e agli interventi di altri istruttori e insegnanti.

    Per domande, interventi o collaborazioni ci potete contattare ai seguenti indirizzi di posta elettronica:


    Stefano Tescaro stefano.tescaro@gmail.com
    Alex Wild: sasschach@gmx.net
    Sebastiano Paulesu: sebpaul@tiscali.it

    Creative Commons License

    Questo blog è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.

    scacchi012

  • Istruttori

    Sito degli istruttori di Federscacchi

    Il Forum degli istruttori del sito/blog Scacchierando

    Gli istruttori premiati dalla FSI per il 2010:

    FOTO: Gli istruttori dell'anno 2010: Roberta De Nisi, Olga Zimina, Eugenia Di Primio, Andrea Rebeggiani, Sebastiano Paulesu, Giuseppe Rinaldi

    Ne abbiamo scritto in un articolo su scacchi012.

    I premiati degli anni scorsi:
    - 2008
    - 2009
    .

  • Il nuovo libro di Alex!

    Per gentile concessione dell'editore (ediscere), pubblichiamo un estratto dell'ultimo libro di Alexander Wild per la serie Giocare a scacchi, I matti. Per scaricarlo, clicca qui.

    Wild, i matti

  • I racconti di Kob

    apici sinistraIl silenzio all'inizio del primo turno. Di un torneo così. Le prime mosse, quando tutto è ancora possibile. Quando ancora tutti i sogni hanno diritto di cittadinanza. Quei primi minuti. In cui non si alza nessuno. In cui davvero tutti, tutta una sala, centinaia di persone, condividono gli stessi sentimenti.apici destra

    Mauro Kob Cereda, Foto

    Link ai racconti di Kob.

Scacchi a scuola in Sardegna. I successi del metodo ideografico.

Si parla tantissimo in questi ultimi tempi della possibilità di prevedere sistematicamente dei corsi di scacchi nei programmi scolastici per migliorare soprattutto le capacità di problem solving.

La Regione Sardegna stanzia soldi per le scuole
Nel 2008 la Giunta della Regione Sardegna, presieduta da Renato Soru, ha deliberato misure rivolte alla lotta alla dispersione scolastica e al miglioramento delle capacità degli studenti di supporto secondo i protocolli OCSE-PISA (potete leggere un resoconto e consultare delibera e documenti sul il sul sito del regione Sardegna).
Grazie anche a  questi finanziamenti ho potuto materialmente realizzare la mia innovativa metodologia “ideografica” per far meglio comprendere gli scacchi ai bambini delle scuole primarie. I risultati che ho ottenuto sono stati giudicati eccezionali da tutti gli addetti ai lavori: insegnanti, genitori, istruttori, dirigenti scolastici e non ultima la Commissione didattica e scuola della FSI che mi ha invitato a presentare il mio metodo al recente convegno internazionale di Torino.

Per questo mi piace parlare di questa splendida esperienza nelle scuole della provincia di Sassari e dei risultati apprezzabili che sta producendo, con la soddisfazione che anche la nuova Giunta Regionale presieduta da Ugo Cappellacci ha deciso di riconfermare la legge anche per i prossimi anni.

Grazie ai soldi della Regione nasce la scacchiera ideografica
Iniziamo questo resoconto dalla Direzione didattica dell’ottavo circolo “Galileo Galilei” di Sassari, dove sei anni fa ho iniziato la mia avventura “professionale” di Istruttore di scacchi nelle scuole: erano previsti due laboratori per complessivi 24 bambini ma hanno aderito oltre 60 bambini (che io non ho voluto affatto deludere sdoppiando di fatto un laboratorio di un plesso in due giornate). Ogni laboratorio prevedeva 30 ore totali di corso con incontri extra-curricolari di 2 ore ciasuno a cadenza settimanale.
La misura regionale prevedeva, oltre ad un’ottima remunerazione per gli esperti esterni (tanto che noi ci organizzavamo in coppie di istruttori) e per il personale scolastico coinvolto, anche un budget per acquisto di materiale che poteva arrivare sino a 1000 euro. Questo ci ha consentito di sviluppare  a Sassari il primo prototipo di scacchiera ideografica, con la possibilità di interagire con pennarelli cancellabili direttamente sulla scacchiera murale, arricchita di circa un centinaio di immagini magnetiche: orme di piedi, fuochi, bombe, fulmini, carote, muri, dischi solari, smile…

La scacchiera ideografica,<br/>con i simboli del Re e delle case agibili dal Re nero

La scacchiera ideografica, con i simboli del Re nero e delle case su cui può muovere. Col pennarello è stato tracciato un quadrato ideale che delimita le mosse del Re (alcune sono fuori della scacchiera)

Inoltre è stato possibile stampare le carte scacchistiche di nostra invenzione, accolte con grande entusiasmo dei bambini che spesso hanno coinvolto nelle loro case anche i propri genitori.

Quest’anno,  a coronamento di quel laboratorio, una squadra dell’ottavo circolo di Sassari ha vinto i campionati regionali scolastici ed ha potuto partecipare alla finale nazionale svoltasi a maggio a Terrasini (PA). Al termine di questo percorso molti dei bambini coinvolti hanno voluto proseguire la loro conoscenza degli scacchi presso il nostro Centro di avviamento allo sport ospitato presso il Centro per le politiche giovanili del Comune di Sassari.

Scacchiera ideografica: il matto con Donna e Torre

Scacchiera ideografica: il matto con Donna e Torre

Carte scacchistiche e dispense per tutti
Sempre nel 2008 ho partecipato come supervisore ad un altro progetto presso il secondo circolo didattico “San Giuseppe” di Sassari dove oltre alle scacchiere ideografiche abbiamo collaudato ulteriormente il metodo delle carte scacchistiche e quello delle dispense scolastiche molto apprezzate dai bambini.

Le carte scacchistiche di Sebastiano Paulesu sono articolate in 5 livelli diversi di gioco.

Le carte scacchistiche di Sebastiano Paulesu sono articolate in 5 livelli diversi di gioco.

Al termine del laboratorio da segnalare un torneo finale interscolastico con la partecipazione di circa 40 bambini, vinto a punteggio pieno dalla bravissima Maria Cuccu di terza elementare. La stessa è diventata di recente campionessa regionale (categoria Piccoli Alfieri) e disputerà a fine giugno la finale nazionale a Courmayeur.

Dispense a fumetti per gli scolari di Sassari

Dispense a fumetti per gli scolari di Sassari

La cosa più gratificante è stato il parere espresso dagli insegnanti dei bambini che hanno riscontrato un notevole miglioramento in tutte le materie scolastiche dei partecipanti ai laboratori di scacchi!

Interessare e integrare i bambini difficili: con gli scacchi è più facile.
Altra esperienza che mi ha visto protagonista è quella del terzo circolo didattico “Sacro cuore” di Sassari, dove abbiamo realizzato due laboratori in altrettanti plessi scolastici e dove pure si è riscontrata una adesione record,  seconda solo ad un laboratorio sul cinema!
La cosa che ha sorpreso la referente del progetto era la presenza massiccia di molti bambini “difficili” (tanto da esclamare che ci sarebbe voluto Padre Pio per sopportarli).
Dopo sole 3 lezioni la stessa referente ha confessato candidamente che voleva venire anche lei per capire come avevamo fatto a coinvolgere bambini che erano considerati impossibili! Credo che questo sia il miglior risultato per una legge che vuole evitare la dispersione scolastica.

Nel plesso invece di Via Baldedda abbiamo messo in moto una vera e propria sinergia col già citato Centro delle autonomie giovanili del Comune di Sassari, invitando le scolaresche in una struttura che si candida ad essere una sorta di “oratorio laico”  a favore della città.

Sinergia che si è potuta ricreare anche ad Ittiri, dove si è partiti con un primo laboratorio rivolto a due classi, e si è replicato con  altri 4 laboratori (oltre sessanta i bambini coinvolti). Al termine dei laboratori si è tenuto il consueto torneo interscolastico – anche qui con la straordinaria egemonia delle bambine, vincitrici di 3 premi su quattro! – a cui hanno presenziato le autorità politiche del comune di Ittiri: Sindaco ed Assessore alla cultura e allo sport, che hanno dato il loro costruttivo contributo logistico alla nascita di un circolo cittadino di scacchi.

In conclusione posso affermare, sulla scorta dei sinceri complimenti dei referenti scolastici e dei genitori dei bambini,  che questa esperienza è veramente una risorsa graditissima e certamente sarà guardata dalle altre Regioni italiane con grande interesse.

10 Risposte

  1. […] scacchi, categoria under 14, nel 2000. Attualmente Erika è anche istruttrice di scacchi e usa il metodo ideografico, che ha sperimentato insieme con l’autore dell’articolo, Sebastiano Paulesu, con lei […]

  2. […] all’utilizzo del metodo ideografico che prevede l’uso di numerose figure come fuochi, muri, dischi solari, impronte, carote, […]

  3. mi congraturo con te per l’ottimo lavoro svolto
    leggerò con attenzione i tuoi lavori per cercare di migliorare il mio ciao
    Alberto

  4. sarebbe interessante poter estendere ulteriormente tali iniziative anche ad altre scuole.
    come si diventa istruttori di scacchi per le scuole elementari?
    grazie

  5. […] questa prima lezione ho adottato il mio metodo ideografico: lavagna speciale con icone magnetiche; proverbi scacchistici e carte scacchistiche. Ma andiamo con […]

  6. gli scacchi sono bellissimi noi abbiamo vinto il primo posto alle provinciali

  7. […] Il premio pertanto è ricaduto sulla mia persona come incentivo alla mia sperimentazione metodologica: la psicomotricità su scacchiera gigante, il metodo ideografico (carte, immagini, proverbi scacchistici) e forse per qualche contributo dato agli istruttori italiani (relazioni ai convegni nazionali di Pomezia, Torino, Oristano e Gela) e dell’attività su alcuni blog scacchistici. […]

  8. Hello,
    I like your ideographic way of teaching.
    We are a small chess club for kids in Switzerland and we also created some Elements like arrows and smileys.
    Do you have more documentation about this ideographic method, also in Italian language, I can read more or less, but cannot write it alien😉
    How do you produce the magnets? What material and how do you print it? Can you help us so we could print some for us?

    Thank you and have a great week

    Bea

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...